Election Day 2022, flop storico senza precedenti, quasi nessuno vota il referendum

Terribile debacle per il referendum sulla giustizia, l'Election day 2022 si rivela essere un flop storico senza precedenti.

di , pubblicato il
referendum giustizia

Clamoroso flop del referendum sulla giustizia all’Election day 2022. Nessuno dei 5 quesiti ha raggiunto il quorum, si parla di un’affluenza alle urne del 20,9%, siamo ai minimi storici con un record in negativo che deve far riflettere.

Election Day 2022, che flop

Stamane è arrivato il dato definitivo in merito all’Election day 2022, almeno per quanto riguarda il referendum sulla Giustizia. C’era infatti anche da votare per le elezioni comunali, la cui affluenza è stata invece del 54,7%. Lo spoglio in questo caso inizierà alle 14. Ma torniamo al referendum sulla Giustizia. 7.903 Comuni su 7.903 hanno riportato il dato complessivo del 20,9% di affluenza. Prevalgono i sì, ma niente quorum, quindi il referendum si è rivelato essere un clamoroso flop.

Secondo i dati del Viminale, al primo quesito (“Incandidabilità dopo condanna”) l’affluenza è stata del 20,95%; al secondo quesito (“Limitazione misure cautelari”) 20,93%; al terzo quesito (“Separazione funzioni dei magistrati”) 20,93%; al quarto quesito (“Membri laici consigli giudiziari”) 20,92%; al quinto quesito (“Elezioni componenti togati CSM”) 20,92%.

Election Day 2022, cosa comporta il flop?

Il referendum promosso da Radicali e Lega non ha sortito l’effetto sperato dai suoi promotori. Si tratta di un passo falso che molti già pensano di poter utilizzare contro lo stesso Salvini, da tempo già in calo nei sondaggi politici. Senza quorum, la soglia minima di partecipazione per ritenere il referendum valido, l’intera votazione si rivela essere un nulla di fatto. Ecco le parole di Roberto Calderoli della Lega a tal proposito: “Non ho problemi a dire che ci sia stato un complotto perché il quorum non potesse essere raggiunto”.

Argomenti: ,