Ecco perché il missile ipersonico è l’arma segreta russa di ultimissima generazione

Si chiama Kinzhal, ed è il missile ipersonico russo di ultima generazione che può trasportare testate nucleari.

di , pubblicato il
Putin

La nuova minaccia si chiama Kinzhal ed è il missile ipersonico russo capace di trasportare testate nucleari rendendosi invisibile al nemico, quindi evitare la contraerea avversaria.

Missile ipersonico russo, la minaccia

Si tratta di una delle armi russe di ultimissima generazione ed è utilizzato per la prima volta nel conflitto contro l’Ucraina. La Rossa fa sul serio dal primo momento, ma ora la minaccia si fa sempre più pericolosa. Kinzhal è infatti un particolare tipo di missile capace di raggiungere velocità elevate e di evitare così la contraerea avversaria. L’ipersonicità dell’arma le permette di raggiungere velocità elevatissime, maggiori delle supersoniche, ossia almeno 5 volte quella del suono (detta Match 1).

La caratteristica di questo missile ipersonico russo è quella di essere inoltre estremamente preciso, proprio come le armi balistiche, e rappresenta oggi una delle aree di maggior sviluppo dell’industria bellica. Il suo sviluppo risale al 2010, ed è stato sperimentato nel 2018 con l’obiettivo di colpire portaerei e incrociatori. Ora però sembra essere efficace anche contro obiettivi terrestri. «Il suo ruolo nella deterrenza non nucleare è nelle prime fasi di una escalation. Tutttavia è inteso primariamente come arma nucleare», si legge in un recente articolo del Center for Strategic and International Studies.

Missile ipersonico russo, una minaccia per tutti

Non solo l’Ucraina dovrà preoccuparsi di questa nuova arma russa, bensì il mondo intero, visto quanto Putin stia facendo capire di volersi spingere oltre misura qualora gli altri paesi dovessero offrire un sostegno sempre più sostanziale all’Ucraina. Lungo circa nove metri con un diametro di un metro, ha una gittata massima tra i 1.500 e i 2.000 chilometri. A spingere fortemente sul loro sviluppo, oltre alla Russia, ci sono anche Cina e Corea del Nord.

Potrebbe interessarti anche Corsa agli armamenti in Europa, ecco perché si rischia davvero una guerra mondiale nucleare

Argomenti: