Ecco chi è Evgeny Prigozhin, il cosiddetto cuoco di Putin finito nella lista nera Ue

Chi è il cuoco di Putin di cui tutti parlano? Ecco un altro importante alleato dello zar che è finito nella lista nera UE.

di , pubblicato il
Putin

Mentre la guerra in Ucraina continua e interessa i vertici dell’Occidente politico, l’opinione pubblica scopre nuovi personaggi. Stavolta tocca al cosiddetto cuoco di Putin, ossia Evgeny Prigozhin, altro personaggio finito nella lista nera dell’UE.

Il cuoco di Putin, chi è Evgeny Prigozhin?

Evgeny Prigozhin non è realmente un cuoco, era in realtà un semplice venditore di panini che è diventato esponente di spicco nell’oligarchia russa. Imprenditore, organizzatore di catering, esperto di disinformatjia, finanziatore di un gruppo paramilitare, tutto questo è Prigozhin, più semplicemente noto come cuoco dello zar russo. Il suo passato non è da curriculum accademico. Adolescenza difficile, condannato a 5 anni per furto, la pena passa a 12 per favoreggiamento alla prostituzione.

Dopo il crollo dell’URSS, fuori dal carcere, si inventa imprenditore insieme al patrigno e vende hot dog in un furgoncino per strada. Gli affari vanno così bene che un vecchio amico di scuola decide di affidargli una catena a San Pietroburgo. Da qui l’espansione, con supermarket, ristoranti e addirittura sale gioco. Insomma, Prigozhin, da delinquentello senza speranza, diventa grande imprenditore russo. Nel 2001 scocca la scintilla con il presidente della Federazione, l’allora rampante Vladimir Putin: Prigozhin riceve l’incarico di allestiere un catering per lui e Chirac.

Il cuoco di Putin nella lista nera

Nel 2012 ottiene sempre da Putin un contratto da un miliardo e duecento milioni di dollari per la fornitura di razioni alimentari alle forze armate. Insomma, è ormai uno dei suoi fidati alleati, ed ecco perché l’UE ha deciso di colpire anche lui, inserendolo nella lista nera di coloro che devono essere sanzionati. Secondo indiscrezioni il cuoco di Putin sarebbe anche tra coloro che hanno complottato nella rete per favorire nel 2016 le elezioni di Trump.

La battaglia contro i suoi alleati continua e non si fermerà fino a che la guerra non sarà cessata.

Potrebbe interessarti anche Gas russo, si rischia lo stop a maggio: consumi andranno ridotti?

Argomenti: