Dove si può viaggiare a Pasqua? Ecco la situazione in Europa con la variante Omicron 2

Dove si può viaggiare a Pasqua in Europa quest’anno.

di , pubblicato il
Pasqua

Il Covid potrebbe guastare le feste a quanti avevano messo nel mirino le prossime festività pasquali per pianificare una vacanza fuori dall’Italia. La recrudescenza della pandemia, spinta dalla variante Omicron e, negli ultimi giorni, da Omicron 2, coinvolge non solo l’Italia ma anche tanti altri Paesi dell’Unione europea, dove si registra una forte crescita dei casi soprattutto in Germania, Francia e Paesi Bassi, come ha sottolineato il virologo dell’università di Milano Fabrizio Pregliasco. Ecco, al momento, dove si può viaggiare a Pasqua in Europa e le regole da osservare per i viaggiatori.

Dove si può viaggiare a Pasqua in Europa quest’anno

Iniziamo dalla Francia, dove resta il certificato vaccinale sopra i 12 anni, mentre l’uso della mascherina non è più obbligatorio tranne che sui mezzi pubblici e nelle strutture sanitarie. Il green pass resta valido anche in Spagna, dove la mascherina rimane obbligatoria al chiuso o nell’eventualità di assembramenti.

A proposito della nazione iberica, è interessante sottolineare come le linee guida delle ultime settimane impongono un utilizzo più moderato dei test diagnostici, limitandoli ai soli pazienti che riscontrano sintomi più o meno gravi. Per maggiori informazioni è possibile visitare il sito travelsafe.spain.info. Se invece si ha intenzione di spostarsi in Francia, il sito di riferimento è it.france.fr/it.

La situazione in Gran Bretagna

Spostiamoci ora in Gran Bretagna, dove dal 18 marzo i viaggiatori vaccinati non devono più effettuare un test all’arrivo né compilare il Plf. Inoltre, nel territorio inglese sono stati aboliti da tempo il certificato vaccinale e l’uso delle mascherine (anche al chiuso).

Chi intende andare a Pasqua in Israele dovrà eseguire un test molecolare non oltre le 72 ore precedenti alla partenza dell’Italia.

Oltre a ciò, è richiesto l’inserimento del proprio numero di passaporto sul referto negativo. Obbligatoria anche la compilazione dell’Entry Statement Form (questo 48 ore prima del proprio arrivo) e la sottoscrizione della copertura assicurativa.

Vedi anche: Vacanze 2022: ecco i migliori viaggi all’estero da prenotare per l’estate post Covid-19

Argomenti: ,