Dormire d’estate, per colpa del caldo perdiamo queste ore di sonno

Con il caldo dormire diventa un lusso, quante ore di sonno perdiamo d'estate e quali sono i rischi sulla nostra salute?

di , pubblicato il
migliori cuscini

Lo sappiamo tutti che con il caldo dormire si fa cosa ardua, ma quante ore di sonno perdiamo realmente d’estate? Parla l’esperto che ci dice anche quali sono le conseguenze di questa privazione sulla nostra salute.

Dormire d’estate, le ore di sonno perse per il caldo

La questione è estremamente seria e merita l’approfondimento dell’esperto con i consigli e affini. Le informazioni ci arrivano da Luigi Ferini Strambi, primario del Centro di Medicina del Sonno dell’IRCCS Ospedale San Raffaele di Milano. La nostra fisiologia risponde in modo chiaro e preciso in merito alla temperatura, e se la temperatura di notte raggiunge i 30 gradi, allora dormiremo almeno 14 minuti in meno.

Ecco le parole del professore: “Quando dobbiamo addormentarci il nostro corpo ha bisogno di abbassare la temperatura, di raffreddarsi. E più fa caldo e più quest’operazione è complicata. La melatonina ad esempio, che sappiamo essere una preziosa alleata del sonno, è in grado proprio di svolgere questo compito, di regolare la temperatura del corpo e aiutarci nello scivolamento verso il sonno”. 

Dormire d’estate, un’impresa impossibile

Oltre al caldo, anche altri elementi disturbativi annessi all’estate. In estate infatti si fa più vita sociale, si dorme in generale di meno, inoltre si tende a dormire con le finestre aperte proprio per combattere la canicola, ma questo comporta l’aumento dell’inquinamento acustico proveniente dalle strade. Ma quali sono i rischi della mancanza di sonno? Memoria, cognizione, ipertensione, sono tutte conseguenze dirette della privazione del sonno. Per non parlare di ansia e depressione, la mancanza di sonno, o nello specifico l’insonnia, portano anche a questi terribili rischi. Insomma, l’estate è davvero una tragedia, ma il rischio più grande ci arriva dal cambiamento climatico.

Secondo alcuni studi tra qualche decennio il caldo ce lo porteremo per tutto l’anno, e allora si che saranno dolori.

Argomenti: