Dopo Netflix ecco chi ha sospeso streaming e attività commerciali in Russia

Altro stop per la Russia, dopo lo streaming di Netflix, un altro colosso delle piattaforme online dice no a Putin.

di , pubblicato il
prime video

Altra batosta in arrivo per la Russia, dopo Netflix anche Amazon dice addio a Putin, almeno fino a che non cambieranno probabilmente le cose relative al conflitto bellico con l’Ucraina. Fuori dal mercato della piattaforma anche la Bielorussia.

Streaming Netflix Russia

Qualche giorno fa abbiamo parlato della decisione di Netflix di chiudere il suo servizio in Russia, azione che era stata preceduta da altri colossi dell’industria dell’intrattenimento che avevano deciso di non distribuire i propri film nel paese di Putin. Ora anche Amazon chiude Prime Video in Russia e Bielorussia. Si tratta di una mazzata che sicuramente getterà nuovo malumore nel popolo russo e potrebbe convincere Putin che le conseguenze delle sue scelte si stanno ripercuotendo oltre i peggiori pronostici.

Ecco la nota di Amazon in merito alla decisione presa: “Ricordiamo che, a differenza di altri fornitori di tecnologia statunitensi, Amazon e AWS non hanno data center, infrastrutture o uffici in Russia abbiamo una politica di lunga data di non fare affari con il governo russo”. Ricordiamo inoltre che Amazon era produttore del videogioco New World, unico titolo che vende direttamente in Russia. Anche questo progetto è stato interrotto, quindi non ci sarà più la distribuzione nel paese. Per la Bielorussia, ormai alleato dichiarato di Putin, lo stesso destino.

Streaming Netflix e Amazon in Russia

Niente più streaming per Netflix e Amazon in Russia. La decisione è stata presa a seguito delle varie sanzioni che stanno colpendo il paese di Putin. Si tratta di un passo comune che praticamente tutto l’occidente sta prendendo contro la Russia e che si spera possa portare in tempi brevi a più miti consigli lo zar di Mosca, al fine di fargli comprendere che questa guerra è contraria all’opinione comune, oltre che essere deprecabile come tutte le guerre.

Senza dubbio, però, Putin è cosciente che le conseguenze di questa invasione in Ucraina avrebbero portato a sanzioni severe, ma forse la speranza principale è che il suo stesso popolo possa ribellarsi e protestare contro questa situazione.

Potrebbe interessarti anche Perché Putin non vincerà mai la guerra in Ucraina secondo il presidente degli Stati Uniti

Argomenti: