Diabete: 5 superfood per abbassare la glicemia nel sangue in modo naturale

Ecco cinque superfood ricchi di nutrienti per tenere basso il glucosio nel sangue e curare il diabete in modo naturale

di , pubblicato il
diabete

Il diabete è spesso collegato all’insorgere di malattie cardiache, ecco perché anche le diete amiche del diabete tendono ad essere salutari per il cuore. Diete alimentari che si basano su quantità ben proporzionate di cibi ricchi di nutrienti non solo aiuteranno a perdere peso o mantenere un peso sano, la pressione sanguigna e il colesterolo entro i valori desiderati, ma anche a mantenere il livello di glicemia corretto e ritardare o prevenire le complicanze del diabete. I seguenti cinque superfood aiutano a fare tutto questo.

I 5 superfood per combattere il diabete

Un superfood è un alimento di origine vegetale con un alto contenuto di antiossidanti, proteine, omega-3, minerali, fibre o altri nutrienti.

Fagioli

I fagioli sono ricchi di vitamine e minerali come ferro, magnesio e potassio. Inoltre, sono ricchi di fibre. Gli studi dimostrano che le diete ricche di legumi in generale sono associate a livelli di zucchero nel sangue più sani sia nel breve che nel lungo termine probabilmente perché questi alimenti sono carichi di stimolatori della salute come l’amido resistente e fitonutrienti polifenolici. Nell’intestino, infatti, i batteri buoni si nutrono dell’amido resistente e delle fibre fermentabili e, nel processo, producono composti benefici per la sensibilità all’insulina.

Verdure a foglia verde scuro

Molte ricerche mostrano come mangiare verdure a foglia verde scure – stiamo parlando di spinaci, cavoli, broccoli, cavoli – può ridurre il rischio di diabete di tipo 2. Queste verdure sono a basso contenuto di calorie e, poiché sono anche a basso contenuto di carboidrati, le persone con diabete possono mangiarne in quantità senza preoccuparsi dell’aumento dei livelli di zucchero nel sangue o dell’aumento di peso.

Noci

Le persone con diabete hanno un rischio molto più elevato di malattie cardiovascolari. Ma la dieta può fare la differenza. Alcuni studi dimostrano come mangiare 5 porzioni da circa 25 grammi a settimana di arachidi o frutta a guscio – come noci, mandorle o nocciole – genera il 17% in meno di probabilità di sviluppare malattie cardiovascolari rispetto a coloro che ne mangiavano una o meno porzioni al mese. Inoltre, le noci sono a basso contenuto di carboidrati e sono una buona fonte di grassi e proteine, quindi aiutano a rimanere sazi mantenendo basso il livello di zucchero nel sangue, uno spuntino ideale per le persone che hanno il diabete. Attenzione però a non superare i 25 grammi a porzione poiché le noci sono ricche di calorie.

Pesce grasso

Aumentare la quantità di acidi grassi omega-3 nella dieta, che si tratti di integratori, cibi arricchiti o cibi naturalmente ricchi di omega-3, non riduce il rischio di sviluppare il diabete; né migliora il controllo della glicemia nelle persone con la malattia. Tuttavia gli acidi grassi omega-3 nel pesce sono associati a meno malattie cardiache e demenza e poiché le persone con diabete affrontano un rischio maggiore di entrambe le condizioni sono dunque consigliati.

Bacche

Cosa rende le bacche così benefiche per le persone con diabete? Esse sono cariche di sostanze nutritive e fitonutrienti e sembrerebbe che alcuni dei fitonutrienti possano causare un ridotto assorbimento del glucosio nell’intestino e una migliore sensibilità all’insulina. Alcuni studi suggeriscono come il consumo regolare di frutti di bosco, in particolare mirtilli, mirtilli rossi, fragole e lamponi, può aiutare le persone con diabete a gestire meglio la loro condizione, principalmente migliorando i picchi di zucchero nel sangue dopo i pasti. I ricercatori hanno scoperto che questo è il caso di tutti i tipi di bacche: fresche, congelate e persino essiccate.

 

Argomenti: