Covid, scende ancora il numero delle vittime giornaliere, ma crescono i contagi

Situazione tutta da interpretare per i contagi, ma i morti di Covid ora sono in netto calo rispetto al passato.

di , pubblicato il
covid

Si torna a parlare di Covid e lo si fa puntualmente con i nuovi dati giornalieri rilasciati dalla protezione Civile in merito a contagi e decessi. Finalmente un importante calo per quanto riguarda le vittime, ma paradossalmente sale la percentuale dei positivi.

Covid, i nuovi dati

Sono 105 i morti, un numero che continua a scendere quello dei decessi e non può che farci felici come dato. Purtroppo, l’informazione relativa invece ai contagi è di opposta tendenza. Sono infatti 35057 i nuovi positivi, un numero non certo enorme, ma che considerati i pochi tamponi effettuati rispetto al solito, ecco che emerge un dato non proprio idilliaco, ossia il tasso di positività che ora sale all’11,8%.

Si tratta di un dato che può far riflettere, ma che deve giustamente essere analizzato. Quando parliamo dei weekend infatti i tamponi sono inevitabilmente meno di quelli effettuati durante la settimana, e ciò può significare anche un aumento del tasso di positività, per il semplice fatto che con pochi tamponi si tende ad analizzare in maniera più mirata e quindi con più probabilità che il soggetto sia effettivamente positivo. Non deve quindi spaventare troppo l’aumento dei positivi letto in questa prospettiva.

Covid, i contagi regione per regione

Passiamo ora a vedere qual è la situazione dei nuovi contagi in tutte le regioni del paese:

Lombardia: +3.627
Veneto: +3.029
Emilia Romagna: +2.089
Campania: +3.421
Lazio: + 3923
Piemonte: +1.108
Toscana: +2487
Sicilia: +4.017
Puglia: +2.929
Liguria: +818
Friuli-Venezia Giulia: +453
Marche: +1619
Abruzzo: +918
Calabria: + 1.327
P.A Bolzano: +366
Umbria: +1.132
Sardegna: +846
P.A Trento: +228
Basilicata: +399
Molise: +290
Valle d’Aosta: +35

Potresti essere interessato anche a Pandemia e emergenza Covid dopo il 31 marzo, ecco le indicazioni del commissario straordinario

Argomenti: ,