Covid, ricoveri e terapia intensiva, i posti regione per regione, ecco dove i malati rischiano di più

La situazione dei posti ospedalieri regione per regione.

di , pubblicato il
covid

Si fa sempre più critica la situazione Covid in alcune regioni, almeno per quanto riguarda i posti disponibili per i ricoveri e la terapia intensiva. Come ormai tutti sapranno, sono stati stabiliti dei criteri superati i quali scattano le restrizioni regionali.

Ricoveri e terapia intensiva Covid, la situazione regionale

Il 15% di ricoveri e il 10% di terapia intensiva, sono questi i due valori che una volta raggiunti e superati fanno scattare le famigerate zone gialle sulla regione. Ma tralasciando questo campo relativo alle restrizioni previste per ogni fascia di colore, concentriamoci oggi esclusivamente su un discorso molto più pratico relativo ai malati. Dove ce ne sono di più? Con l’aumento dei posti occupati in degenza e terapia intensiva corrisponde naturalmente anche un maggior rischio per i malati stessi, indipendentemente da quale che sia la patologia. Ecco il punto della situazione.

Sicilia 20% ricoveri, 11% terapia intensiva
Sardegna 12% ricoveri, 12% terapia intensiva
Calabria 18% ricoveri, 9% terapia intensiva
Marche 6% ricoveri, 13% terapia intensiva

Ricoveri Covid, le regioni ancora nei limiti

Basilicata 13% ricoveri, 5% terapia intensiva
Toscana 7% ricoveri, 9% terapia intensiva
Umbria 6% ricoveri, 8% terapia intensiva
Bolzano 5% ricoveri, 8% terapia intensiva
Campania 9% ricoveri, 4% terapia intensiva
Puglia 7% ricoveri, 4% terapia intensiva
Emilia Romagna 6% ricoveri, 5% terapia intensiva
Abruzzo 6% ricoveri, 4% terapia intensiva
Liguria 5% ricoveri, 4% terapia intensiva
Veneto 4% ricoveri, 5% terapia intensiva
Piemonte 3% ricoveri, 4% terapia intensiva
Trento 4% ricoveri, 1% terapia intensiva
Valle d’Aosta 4% ricoveri, 0% terapia intensiva

Questo quindi il quadro complessivo di tutte le regioni italiane. Come detto, già quattro fuori dai valori massimi, un paio invece, Toscana e Basilicata, sono molto vicini ai criteri da superare. Naturalmente, la soluzione migliore e aumentare i posti disponibili, in modo da far calare la percentuale di malati. In generale invece la situazione in Italia è la seguente, 7% di posti occupati nei ricoveri, 6% in terapia intensiva.

Potrebbe interessarti anche Super Green Pass per tutti i lavoratori: sanzioni e blocco stipendio, ecco cosa rischia chi non ce l’ha

Argomenti: