Covid, momento di stasi, i numeri bloccati della pandemia in Italia

Non scende e non sale, la pandemia da Covid in Italia rimane in una fase di stasi con numeri che non accennano a cambiare.

di , pubblicato il
Covid

Non si scende e non si sale, i numeri del Covid rimangono bloccati, impantanati in una fase di stasi, con un tasso di positività che rimane ormai sostanzialmente stabile a oscillare tra il 14 e il 15%, mentre anche i morti difficilmente scendono sotto i 100. Sono 138 i decessi registrati ieri, 48.255 i contagi, il tasso di positività infatti è del 14,7%.

Covid, dati nazionali della pandemia

Con questi numeri diventa importante, anzi fondamentale conoscere la situazione delle ospedalizzazioni, ormai il dato determinate per capire a che punto siamo con il sistema sanitario, ossia se è tutto sotto controllo o se possiamo tornare a vivere improvvisamente un momento di tensione della sanità. I ricoveri sono complessivamente 9.384, 369 dei quali in terapia intensiva con 32 nuovi ingressi nelle ultime 24 ore.

Covid, contagi regione per regione

Concludiamo con i dati relativi ai nuovi contagi in tutte le regioni del nostro paese, ecco com’è stata la situazione nella giornata di ieri 5 maggio:

Lombardia: +6.362
Veneto: +5.344
Campania: +5.112
Emilia Romagna: +4.041
Lazio: +3.951
Piemonte: +2.824
Toscana: +2.712
Sicilia: +3.263
Puglia: +3.908
Liguria: +1.252
Marche: +1.469
Friuli-Venezia Giulia: +858
Abruzzo: +1.693
Calabria: +1.591
Umbria: +889
P.A Bolzano: +317
Sardegna: +1.383
P.A Trento: +509
Basilicata: +509
Molise: +344
Valle d’Aosta: +80

Questo dunque il quadro generale relativo alla pandemia in Italia. Ricordiamo sempre che il virus non è ancora scomparso, anzi nuovi studi ogni volta emergono offrendo quadri a volte anche inquietanti, come ad esempio quello secondo il quale con il Covid si perdono 10 punti del quoziente intellettivo. Insomma, massima attenzione come sempre.

Argomenti: