'Covid, la pandemia finirà tra un anno: gli scenari secondo l’ad di Moderna

Covid, la pandemia finirà tra un anno: gli scenari secondo l’ad di Moderna

In un’intervista rilasciata in Svizzera, Stéphan Bancel, ad di Moderna, spiega perché la pandemia finirà tra un anno e cosa succederà.

di , pubblicato il
Nuovo vaccino covid quarta dose

Dopo le parole del ministro della Salute tedesco, Jens Spahn, per il quale la pandemia da Covid finirà in primavera, arrivano anche le osservazioni del CEO di Moderna, Stéphan Bancel.
Secondo l’ad della società di biotecnologie che ha prodotto uno dei vaccini più diffusi contro il Covid, la ‘profezia’ è molto simile. La pandemia da Covid dovrebbe finire tra un anno circa. Stéphan Bancel è stato intervistato dal noto quotidiano svizzero, Neue Zuercher Zeitung. Ha affermato che entro la fine dell’anno prossimo dovrebbero essere a disposizione un numero di vaccini tale da immunizzare gran parte della popolazione mondiale.

Vaccino Covid ai bambini o immunizzazione per contagio: una situazione simile all’influenza

Il CEO di Moderna, nell’intervista, ha sottolineato come in breve tempo si sarà in grado di somministrare il vaccino anti-Covid anche ai bambini nella fascia d’età compresa tra i cinque e gli undici anni. Il passo successivo sarà l’immunizzazione anche di quelli dai sei mesi in su.
Ma non è detto che si debba optare necessariamente per i vaccini. La variante Delta è molto contagiosa, così i bambini che non si saranno vaccinati raggiungeranno con ogni probabilità l’immunizzazione contraendo la malattia.
Stéphan Bancel spiega che ci troveremo in una situazione molto simile a quella dell’influenza stagionale. Si potrà decidere di vaccinarsi e passare un inverno sereno, oppure non vaccinarsi e rischiare di ammalarsi e ricorrere all’ospedalizzazione. Il ritorno alla normalità, si presume, dovrebbe essere raggiunta da qui a un anno.

L’incognita delle varianti del Covid per il ritorno alla normalità

Ritornando infine sul discorso pronunciato dal ministro della Salute tedesco, Jens Spahn, la vera incognita per un ritorno alla normalità che sembra avvicinarsi sempre di più è l’emersione di nuove varianti del virus che provocano il Covid.


Il Sars-CoV-2, infatti, potrebbe continuare a variare, avendo ancora molta libertà di circolazione in giro per il mondo. Il ritorno alla normalità entro un anno potrebbe non verificarsi soltanto qualora dovesse comparire una variante che riesca a eludere il vaccino. A quel punto, il rischio è di trovarsi nuovamente in piena emergenza pandemica.
Leggi anche: Vaccino Covid, terza dose: cosa sta succedendo in Israele?
[email protected]

Argomenti: ,