'Covid da Delta a Omicron, varianti più contagiose e pericolose

Covid da Delta a Omicron, quali sono le varianti più contagiose e pericolose?

Tutte le varianti del Covid, quali sono le più pericolose e contagiose? Ecco la lista delle differenti versioni del virus.

di , pubblicato il
covid

Quali sono le varianti più pericolose e contagiose del Covid? Innanzitutto, partiamo col dire quali sono, e scopriamo quindi come sono state classificate. A dare loro il titolo di varianti ci ha pensato naturalmente l’OMS. Si tratta di virus che contengono la cosiddetta proteina Spike ma in forma mutata.

Covid, le varianti fin qui

Per scoprire quali sono le varianti basta fare una visitina al sito dell’ISS e vedere quelle che son state classificate. Ufficialmente sono cinque le varianti del Covid fin qui scoperte, ma non è da escludere che ce ne siano delle altre ancora non diventate note. Ecco le prime quattro classificate:

La ‘variante inglese’ o ‘Alpha’ (B.1.1.7) è stata isolata per la prima volta nel settembre 2020 in Gran Bretagna, mentre in Europa il primo caso rilevato risale al 9 novembre 2020.
· La ‘variante sudafricana’ o ‘Beta’ (B.1.351) è stata isolata per la prima volta nell’ottobre 2020 in Sud Africa, mentre in Europa il primo caso rilevato risale al 28 dicembre 2020
· La ‘variante brasiliana’ o ‘Gamma’ (P.1) è stata isolata per la prima volta nel gennaio 2021 in Brasile e Giappone.
–  La variante ‘indiana’ o ‘Delta’ (B.1.617.2), è stata isolata per la prima volta nel dicembre 2020 in India.

Covid, la quinta variante

Abbiamo poi la variante Omicron, la quinta e ultima fin qui scoperta. Si tratta secondo gli esperti della variante più contagiosa, ma non la più pericolosa. Anzi, sostanzialmente pare che il virus sia mutato in forma meno aggressiva, la variante più pericolosa infatti ad oggi è considerata la Delta, ed è quindi un bene che il virus si sia evoluto in questo modo, divenendo meno grave nei sintomi che i contagiati sviluppano.

Potrebbe interessarti anche Variante Omicron più contagiosa, meno grave: potrebbe essere l’ultima ondata Covid-19, c’è uno studio

Argomenti: