Covid-19 nella palestra Virgin, che ora chiude per una settimana

Ci sono voluti alcuni giorni per prendere una decisione quasi scontata.

di , pubblicato il
Palestra Virgin Covid-19

La palestra Virgin Active di Città Studi-Lambrate di via Amedeo a Milano, a distanza da qualche giorno dal rilevamento di un focolaio Covid-19, finalmente ha deciso di chiudere la struttura una settimana.

Covid palestra Virgin di Milano, rilevata variante indiana

Dopo una prima volontà di non dare lo stop all’attività a seguito della segnalazione di 12 casi positivi, di cui uno contagiato con la variante Delta, ascrivibili alla frequentazione della palestra Virgin questa decide di chiudere. Ricordiamo, se ce ne fosse bisogno, che la variante Delta non è altro che la variante indiana, che tanto sta facendo preoccupare il Regno Unito da posticipare la fine delle restrizioni di un mese.

Questo, come riporta l’Ansa, è quanto deciso Virgin Active “in via precauzionale” a partire da domani con “l’obiettivo primario di tutelare la salute di clienti e staff”. “Tale decisione – si legge in una nota della Virgin – è stata assunta in attesa che l’ATS completi l’attività di contact tracing dei frequentatori del club, resa possibile dalla puntuale registrazione degli accessi che Virgin Active svolge presso le proprie strutture”.

“L’azienda – prosegue la nota – ha preso la decisione di chiudere il club nonostante gli esiti del sopralluogo effettuato dalla stessa ATS nella giornata di ieri abbiano confermato il pieno rispetto dei protocolli anti-contagio da parte di Virgin Active”, c’è da chiedersi allora come si siano contagiati tra loro i suoi clienti, che diventi un caso studio?

Intanto gli abbonati che cercano di disimpegnarsi dal contratto che li obbligherebbe a prolungare la loro presenza per svariati mesi e pagare per intero un servizio con forti limitazioni (a tal proposito vedi il nostro precedente articolo Focolaio Covid-19 nella palestra Virgin, che obbliga a prolungare gli abbonamenti ) continuano a penare vendendosi calpestati i loro diritti di consumatori.

Argomenti: Nessuno