Coronavirus, scuole chiuse: gite scolastiche, certificato medico, validità anno scolastico e tanto altro

Arriva il decreto che riguarda anche le scuole: didattica a distanza, viaggi d’istruzione, certificato medico e tanto altro. News Coronavirus.

di , pubblicato il
Arriva il decreto che riguarda anche le scuole: didattica a distanza, viaggi d’istruzione, certificato medico e tanto altro. News Coronavirus.

L’epidemia da Coronavirus si sta allargando e anche il mondo della scuola è obbligato a prendere le dovute misure: le attività didattiche sono sospese in tutta Italia e si sta cercando di attivare, in maniera autonoma a partire dalle singole scuole o addirittura dai singoli docenti, una didattica a distanza che possa limitare gli effetti negativi del provvedimento, per altri versi comunque dovuto. Il Comitato Scientifico, istituito dal governo, non dà né parere positivo né parere negativo alla misura: secondo quanto riportato, la chiusura di due settimane potrebbe avere un’efficacia limitata, anche perché l’emergenza si annuncia lunga e, per rendere davvero effettivo il provvedimento, bisognerebbe chiudere le istituzioni scolastiche almeno per due mesi. La questione concerne anche un ulteriore aspetto, occorrono urgenti misure che permettano ai genitori di gestire un’emergenza non secondaria, la presenza dei figli a casa.

Le norme in vigore dalla serata di ieri riguardano, però, differenti ambiti, dai viaggi d’istruzione ai certificati medici fino al nodo della validità dell’anno scolastico per allievi e docenti neoimmessi.

Scuole chiuse o sospensione attività didattica? News Coronavirus

Il decreto disciplina il mondo della scuola in maniera differenziata: da un lato, ci sono le scuole delle cosiddette zone rosse che resteranno chiuse, mentre nel resto d’Italia si tratta di sospensione della didattica. Nel primo caso sia i docenti che il personale ATA non dovrà recarsi a scuola, mentre nel secondo il personale ATA dovrà presentarsi, mentre per i docenti non c’è alcun obbligo, fermo restando che le scuole, autonomamente, possono optare per soluzioni di didattica online che potrebbero prevedere lanche la presenza degli insegnanti.

Le scuole resteranno chiuse nelle seguenti aree.

Per quanto concerne la Regione Lombardia la chiusura riguarda i comuni di Bertonico, Casalpusterlengo, Castelgerundo, Castiglione D’Adda, Codogno, Fombio, Maleo, San Fiorano, Somaglia,Terranova dei Passerini; per quanto concerne la Regione Veneto, il comune di Vo’.

Didattica a distanza e online

La normativa prevede che i dirigenti scolastici, sulla scorta di quanto deliberato nel Collegio Docenti, attivino moduli di didattica a distanza e online, tenendo conto anche degli alunni che presentano disabilità. Chiaramente, si sottolinea che la situazione non può essere uniforme a livello nazionale.

Gite scolastiche: cosa prevede la nuova normativa

Si allunga il periodo di sospensione di ogni tipologia di uscita didattica, dai viaggi d’istruzione alle visite guidate, passando per le iniziative di gemellaggio o scambio, già predisposte e organizzate dalle scuole. Al momento, il periodo è stato allungato fino al 3 aprile, ma è chiaro che si sta navigando a vista e, qualora il contagio da Coronavirus non dovesse rallentare, saranno possibili nuovi rinvii.

La questione del certificato medico

Per quanto concerne la riammissione a scuola, il riferimento normativo è il Decreto del Ministro della Sanità del 15 novembre 1990 (in GU n. 6 dell’8 gennaio 1991): in conseguenza di un’assenza dovuta a malattia infettiva di una durata superiore a cinque giorni, occorre presentare certificato medico. Tale disposizione riguarda tutto il personale scolastico.

La validità dell’anno scolastico per allievi e docenti

Le misure di contenimento dell’epidemia da Coronavirus rappresenta ovviamente un caso eccezionale per cui l’anno scolastico sarà pienamente valido anche qualora non si dovessero raggiungere i 200 giorni di lezione. Stesso discorso vale anche per l’effettuazione dell’anno di prova da parte dei docenti neoassunti.

Leggete anche: Concorso scuola straordinario, bando in arrivo: cosa potrebbe cambiare dopo parere CSPI

[email protected]

Argomenti: ,