Coronavirus: la mascherina di stoffa è efficace, ecco però come usarla

Una ricerca della Unsw Sydney e pubblicata su BMJ Open rivela che la mascherina di stoffa è efficace: bisogna però utilizzarla bene.

di , pubblicato il
Una ricerca della Unsw Sydney e pubblicata su BMJ Open rivela che la mascherina di stoffa è efficace: bisogna però utilizzarla bene.

Una ricerca della Unsw Sydney e pubblicata su BMJ Open rivela che la mascherina di stoffa è efficace per la prevenzione del Coronavirus. Riduce infatti la probabilità di trasmissione e contaminazione del virus ma solo se viene lavata ogni giorno. Ecco maggiori dettagli.

La mascherina di stoffa protegge ma va lavata quotidianamente

Secondo una ricerca della Unsw di Sidney ovvero dell’Università del Nuovo Galles del Sud la mascherina di stoffa protegge dal Coronavirus ma solo se viene lavata ogni giorno a temperature alte. Solo in questo modo protegge contro le infezioni.

Raina MacIntyre che ha condotto lo studio ha comunicato che tutti devono capire una cosa: le mascherine chirurgiche e quelle di stoffa dopo l’uso risultano contaminate. Le prime vengono smaltite ma le seconde che possono essere riutilizzate si devono lavare correttamente perché c’è il rischio che aumenti la contaminazione.

La MacIntyre ha comunicato che insieme alla sua equipe ha analizzato i dati non pubblicati di uno studio del 2015 approfondendo quelli relativi al 2011. Questi ultimi riguardavano gli operatori sanitari e come lavavano quotidianamente la mascherina di stoffa. È emerso che se quest’ultima veniva lavata nella lavanderia dell’ospedale diventava efficace quanto una mascherina chirurgica. Questo studio però è vecchio ha comunicato la ricercatrice. Non è stato testato il Sars-Cov-2 ma nello studio i ricercatori hanno incluso degli agenti patogeni respiratori come il rinovirus, i coronavirus stagionali e l’influenza.

Lavare sempre la mascherina di stoffa

La ricercatrice MacIntyre ha infine comunicato che è improbabile che chi indossa una mascherina di stoffa si ritrovi a contatto con la medesima quantità di agenti patogeni di un operatore sanitario che lavora in reparto. Il consiglio però è quello di lavare sempre la mascherina.

Dallo studio è emerso inoltre che il lavaggio a mano non fornisce una protezione adeguata. Gli operatori sanitari che lavavano le mascherine a mano, infatti, rischiavano di infettarsi il doppio rispetto a quelli che utilizzavano la lavanderia dell’ospedale.

Potrebbe interessarti:  Coronavirus: mascherina o distanziamento sociale, cosa riduce di più il rischio di contagio?

[email protected]

Argomenti: ,