Coronavirus e surgelati: il covid si trasmette anche tramite il cibo?

C'è un legame tra il coronavirus e le confezioni di cibo surgelato?

di , pubblicato il
C'è un legame tra il coronavirus e le confezioni di cibo surgelato?

Il coronavirus si trasmette anche tramiti le confezioni di cibo surgelato? Fino ad oggi non esistevano studi in merito ma alcune ricerche svolte negli ultimi tempi sembrano aver appurato che ci potrebbe essere una correlazione tra alimenti congelati e Covid. 

Confezioni di cibo surgelato e covid, c’è un legame?

Come riporta il sito QuiFinanza, le autorità cinesi avrebbero trovato delle tracce del virus su alcune confezioni di ali di pollo importate dal Brasile e degli imballaggi di gamberetti in arrivo dall’Ecuador. “Tutti i cittadini dovrebbero essere cauti nell’acquisto di prodotti a base di carne congelata e prodotti acquatici importati negli ultimi giorni” avrebbe riferito la Commissione sanitaria municipale di Shenzhen, anche sei poi nessuno dei soggetti che era venuto a contatto con le ali di pollo era risultato infetto. Un fatto simile è accaduto in Nuova Zelanda, dove si stava cercando di capire se un lavoratore positivo che aveva seguito le importazioni di alimenti congelati poteva essere stato contagiato in questo modo. 

Le rassicurazioni dell’Oms

Nonostante tutto l’Oms ha cercato di rassicurare sul virus e la possibilità di contrarlo tramite il cibo surgelato. Mike Ryan, capo del programma di emergenza dell’OMS, ha fatto sapere che Non ci sono prove che il cibo o la catena alimentare partecipino alla trasmissione di questo virus”. Resta dunque assodato che il covid 19 si diffonde tramite goccioline da persona a persona nel momento in cui si starnutisce, tossisce o si parla. E’ possibile anche contagiarsi toccando delle superfici infette oppure oggetti come imballaggi alimentari ma queste non sono considerate modalità di primo piano rispetto alla famose droplets.

 

Al momento non è chiaro, o comunque non ci sono prove, che il virus si trasmette anche tramite alimenti contaminati.

Resta il fatto che i cibi a temperatura ambiente non sono pericolosi così come non esistono studi che il contagio possa avvenire ingerendo cibo. In ogni caso è sempre fondamentale lavarsi le mani e se possibile lavare bene anche quei cibi come frutta, verdura o carne prima di consumarli.

Leggi anche: Il New York Times elogia l’Italia: “Da epicentro dell’incubo coronavirus a modello che dà una lezione anche gli Usa”

[email protected]

Argomenti: ,