Coronavirus e contagio in aereo: quante probabilità ci sono di prendere il covid?

Alcuni vecchi studi basati sulla Sars pongono l'attenzione sui contagi in aereo.

di , pubblicato il
Alcuni vecchi studi basati sulla Sars pongono l'attenzione sui contagi in aereo.

Il contagio da coronavirus può avvenire praticamente ovunque ma i luoghi chiusi sono sicuramente più pericolosi rispetto a quelli all’aperto. Abbiamo già visto quante possibilità ci sono di contagiarsi in spiaggia, al mare o nuotando ma invece sull’aereo ci si contagia e come? 

Leggi anche: Fare il bagno al mare e coronavirus: ci si può contagiare nuotando?

Come ci si contagia in aereo?

I voli aerei riprenderanno a volare da giugno e anche se forse all’inizio ci sarà cautela nello scegliere di viaggiare in aereo, a meno di non doversi spostare per lavoro o necessità, nei prossimi mesi le cose cambieranno e una ripresa sembra probabile. Ma quanto è pericoloso e soprattutto quante possibilità ci sono di contagiarsi in aereo? Come riporta un recente articolo di Business Insider, alcuni video mostrerebbero la velocità con cui i doplet di un colpo di tosse si spargono nella cabina mentre non esistono studi certi sulla diffusione del coronavirus sui voli se non prendendo come riferimento un vecchio studio sulla Sars del 2003, che prese come riferimento alcuni voli dove erano presenti dei contagiati.

Lo studio sulla Sars

Dei tre voli considerati, sul primo volo di 90 minuti era presente un portatore pre-sintomatico ma non ci sono stati contagi a bordo, sul secondo volo di 120 minuti invece, furono contagiate 22 persone anche se la cosa che lasciò perplessi è che alcuni dei contagiati era seduti molte file avanti rispetto al portatore sintomatico. Nel terzo volo analizzato di 90 minuti erano presenti quattro portatori sintomatici ma soltanto un passeggero fu poi contagiato. Dallo studio insomma, emerse che sugli aerei è facile che il virus della Sars possa diffondersi ma questo non accade sempre e molto potrebbe dipendere anche da alcuni fattori come la durata del volo o la contagiosità dei pazienti infetti a bordo. Gli esperti infatti, hanno parlato più volte del fatto che l’esposizione superiore a 15 minuti può fare la differenza nel contagio.

In sostanza, guardando al vecchio studio del 2003 basato sulla Sars, si ipotizza che più lungo è il volo più i rischi potrebbero salire ma bisogna anche considerare la contagiosità delle persone in un dato momento, dato che fa la differenza. In ogni caso si attendono studi attuali da confrontare con i contagi da covid 19. 

Leggi anche: Mascherine pericolose e inutili contro il Covid, la bomba del prof Bacco

[email protected]

Argomenti: ,