CondHotel, la nuova moda arriva in Piemonte, ecco cosa sono gli Hotel Condominio

Nuova interessante proposta dalla Regione Piemonte, arriva il CondHotel, ecco cosa sono e come verranno gestiti.

di , pubblicato il
condhotel

La Regione Piemonte li ha approvati, ora sono diventati praticamente realtà. Stiamo parlando dei CondHotel, una crasi tra hotel e condominio, ma di cosa si tratta e a cosa servono? Cerchiamo di capirlo insieme.

CondHotel, arrivano in Piemonte

Non sarà il gianduiotto, ma è comunque una novità tutta piemontese, anche se la formula sostanzialmente è la stessa di quella già rodata negli USA. Lo scopo è quello di fornire sia agli albergatori sia ai privati cittadini uno strumento nuovo per guadagnare e mettere a frutto il proprio business e anche rilanciare il turismo. Naturalmente, quando si tratta di far soldi il modello americano è sempre una marcia in più su tutti, quindi è giusto vedere agli USA, ma in che cosa si caratterizzano questi CondHotel?

Molto semplice la nuova riforma piemontese lanciata da governatore Alberto Cirio permette di disporre di alcune porzioni dei complessi alberghieri potranno essere acquistate dai privati, che potranno decidere di comune accordo con l’albergatore la destinazione d’uso e come impiegare le stanze. Così facendo sarà possibile metterle in affitto per usi ricettivi o destinarle a uso abitativo, in entrambi i casi sarà possibile dividere i profitti. Insomma, sembra chiaro che l’idea di base sia davvero interessante e ricca di buone intenzioni, degna di essere approfondita, dunque. Le parole del governatore: “Mettiamo a disposizione delle aziende un altro strumento che va nella direzione della libertà di impresa per rafforzare la competitività del settore della ricezione che ha bisogno di diversificare il mercato favorendo anche gli scambi immobiliari”.

CondHotel, come funzioneranno?

Per non farla troppo lunga, questi CondHotel sono un ibrido tra l’abitazione privata e la camera d’albergo.

L’idea è consentire al privato cittadino di comprare una camera o un appartamento che si trova all’interno dell’hotel o del complesso alberghiero, lasciandolo libero di scegliere come dividere gli incassi con il gestore o proprietario, al fine di permettergli di gestire l’abitazione in questione come una qualsiasi stanza di hotel o una casa. “È un ottimo strumento per la categoria che rilancia il settore anche grazie a investimenti privati” – ha aggiunto nella stessa nota il coordinatore Assohotel Confesercenti Piemonte Luca Amato.

Argomenti: