Concorso scuola infanzia e primaria, requisiti: bando in arrivo ma in ritardo, in pericolo assunzioni 2020?

Secondo un’informativa CISL il bando per il concorso scuola infanzia e primaria sarebbe imminente, ma forse già in ritardo. Ecco i requisiti e le news.

di , pubblicato il
Secondo un’informativa CISL il bando per il concorso scuola infanzia e primaria sarebbe imminente, ma forse già in ritardo. Ecco i requisiti e le news.

Il bando per il concorso per la scuola d’infanzia e primaria, valido per le assunzioni di circa 17mila docenti, sarebbe in arrivo: non ci sono in realtà informazioni concrete provenienti dal Miur, ma stando a quanto riportato anche dal sindacato CISL Scuola, potrebbe arrivare nei prossimi giorni o al massimo settimane. Il calendario della ‘Gazzetta Ufficiale’ prevede la pubblicazione dei bandi nei giorni di martedì e venerdì. Il rinvio costante sembra poter portare con sé una conseguenza non di poco conto: più il bando arriva in ritardo, più sarà difficile che i vincitori possano essere assunti in tempo per l’anno scolastico 2020-2021. Si parla infatti già di caos supplenze per l’anno prossimo.

I requisiti per l’accesso al concorso ordinario 2020 per la scuola d’infanzia e primaria 

Secondo quanto riportato dal decreto ministeriale, potranno partecipare alle selezioni per il concorso ordinario docenti 2020 soltanto i candidati che presentano i seguenti requisiti:

  • laurea in scienze della formazione primaria o titolo equivalente conseguito all’estero e riconosciuto in Italia secondo la normativa vigente,
  • diploma magistrale abilitante e diploma sperimentale a indirizzo linguistico, ottenuto presso gli istituti magistrali, oppure titolo equivalente conseguito all’estero e riconosciuto nel nostro paese secondo la normativa vigente, ottenuto però entro l’anno scolastico 2001-2002,
  • non potranno partecipare invece coloro che posseggono la laurea in scienze dell’educazione o altra laurea (triennale o magistrale) che permette l’accesso all’insegnamento negli ordini di scuola secondaria e coloro che hanno svolto il servizio (supplenze) senza titolo di accesso e
  • per quanto concerne, infine, i posti di sostegno è requisito fondamentale il possesso del titolo specifico di specializzazione o equivalente conseguito all’estero e riconosciuto in Italia – è possibile che il bando contempli l’accesso con riserva al concorso per i docenti che stanno svolgendo e non hanno ancora terminato il IV ciclo di TFA sostegno, se e soltanto se il titolo sarà conseguito entro la data del 15 luglio 2020.

Le prove del concorso scuola ordinario infanzia e primaria 2020

Il bando per il concorso docenti infanzia e primaria sarà articolato in due prove: una scritta e una orale, e soltanto poi saranno conteggiati e valutati gli eventuali titoli in possesso. È possibile che, a livello regionale e sulla base dei partecipanti effettivi, si opti anche per una prova preselettiva: è prevista qualora il numero dei candidati sia superiore di quattro volte il numero dei posti messi al bando.

Leggete anche: Concorso scuola straordinario 2020: chi potrà partecipare, info bando e i nuovi ministri

[email protected]

Argomenti: ,