'Cioccolato: fusione tra Caffarel e Lindt, cosa cambierà adesso?

Cioccolato: fusione tra Caffarel e Lindt, cosa cambierà adesso?

Lindt ha annunciato infatti la fusione con la Caffarel: cosa cambierà adesso per il cioccolato?

di , pubblicato il
caffarel lindt

C’è una grandissima notizia riguardante due marchi di cioccolato molto famosi in Italia. Lindt ha annunciato infatti la fusione con la Caffarel. Con tale operazione che partirà da gennaio 2022 le due realtà diventeranno un’entità unica ed avranno una strategia industriale comune. Cambierà qualcosa adesso per i prodotti?

Fusione Lindt e Caffarel: cosa cambia

Da gennaio 2022 inizierà la procedura di fusione per incorporazione di Lindt e Caffarel. Queste collaboreranno tra loro ma conserveranno i tratti che le distinguono ed il legame con il territorio. La fusione rafforzerà una collaborazione che in realtà già esiste per integrare alcuni processi. Altri, invece, resteranno separati. Questo per garantire l’innovazione, la qualità e la spinta allo sviluppo. Grazie a tale fusione si potranno condividere al meglio le conoscenze ma anche i processi e le risorse con l’obiettivo di salvaguardare l’unicità sia di Caffarel che di Lindt.

La fusione, poi, sarà anche un modo per rafforzare la Caffarel che da tempo è in difficoltà garantendole una continuità economica. Questo significa che almeno per il momento i dipendenti dello stabilimento di Luserna San Giovanni continueranno a lavorare. Tale stabilimento continuerà ad essere quindi strategico. Verranno poi introdotte delle nuove tecnologie e processi per un maggiore rafforzamento.

Grazie alla fusione, il gruppo Lindt & Sprüngli porterà avanti investimenti sia in Lindt & Sprüngli che nella piemontese Caffarel con lo scopo di consolidare la presenza di entrambi sul mercato italiano. Inoltre l’obiettivo sarà quello di rafforzarne le caratteristiche e renderli unici. La Lindt ha poi comunicato che nei prossimi mesi completerà tutte le procedure per l’integrazione e cercherà le soluzioni più adatte per i dipendenti che dovranno migrare con i sindacati.


Leggi anche: Allarme rincari pasta: per la Coldiretti una soluzione c’è
[email protected]

Argomenti: ,