Carta identità elettronica e patente, cambia tutto e diventano digitali: ecco come saranno

Novità per la carta d’identità elettronica e la patente che diventano digitali con un Qr Code.

di , pubblicato il
Carta identità

La carta d’identità elettronica e la patente diventano digitali. Ad annunciare la novità è stato Vittorio Colao, ministro per l’Innovazione tecnologica, che ha promesso un portafoglio digitale dove la carta d’identità, la patente, la stessa tessera elettorale avranno forme digitali come in Europa.

Novità per la carta d’identità elettronica e la patente che diventano digitali con un Qr Code

L’obiettivo è quello di “creare una vera e propria Schengen del digitale” ha fatto sapere il ministro spiegando che la patente italiane sarà racchiusa in un Qr code leggibile e valido anche in Europa, così come la patente digitale di altri paesi europei dovrà essere valida anche in Italia. Basterà un cellulare per inquadrare il Qr code proprio come si faceva al ristorante quando bisognava mostrare il Green Pass. Inoltre, Colao ha fatto sapere che si sta lavorando affinchè la Carta di identità elettronica (Cie) sia rilasciata anche dagli Uffici postali per velocizzare i tempi di consegna.

Per la carta di identità si punta anche alla velocizzazione e il rilascio agli Uffici postali

L’obiettivo, insomma, è quello di digitalizzare il documento. La patente sarà solo un Qr code mentre per la carta d’identità elettronica si punta alla velocizzazione. Le novità non riguardano solo la carta d’identità elettronica e la patente ma anche tutti i documenti che dovrebbero finire in una sorta di portafoglio digitale valido in tutti i paesi europei.

Entro un anno e mezzo dovrebbero essere operativi i protocolli europei, l’obiettivo è arrivare ad un wallet europeo su cui caricare tutti i documenti.
Anche per la tessera sanitaria si studia lo stesso sistema della patente.

Basterà inquadrare il Qr code e quindi non servirà più il documento cartaceo. Al momento non è chiaro quanto ci vorrà per l’introduzione di queste novità ma il ministro per l’Innovazione tecnologica è sembrato ottimista su tempi non lunghi, sottolineando che l’Italia è avanti.

Argomenti: ,