'Capodanni più strani, le tradizioni più singolari al mondo

Capodanni più strani, le tradizioni più singolari al mondo

Quali sono i capodanni più strani al mondo? Ecco una serie di tradizioni davvero singolari per salutare l'anno vecchio.

di , pubblicato il
Capodanno

Quali sono le tradizioni più singolari che hanno luogo il primo gennaio? Ecco i capodanni più strani del mondo, una lista di bizzarrie che si celebrano il primo dell’anno in ogni angolo del pianeta.

Capodanni più strani

Esistono molte singolari tradizioni nel mondo, ma dato che oggi è capodanno, abbiamo scelto quelle più particolari e strane che si verificano il primo dell’anno e che agli occhi di noi italiani possono sembrare davvero incredibili.

Perù, schiaffi di Takanakuy – Si chiama così la tradizione che a Capodanno a Cuzco i cittadini mettono in atto. Si prendono a schiaffi per risolvere dispute in sospeso. Terminata la diatriba brinano all’inizio del nuovo anno.

Inghilterra, fuoco e catrame ad Allendale – Si chiama Tar Bar’l Festival, ossia festival del catrame, i vecchi di questi villaggio passeggiano per il paese con in testa una cesta di whisky e catrame infuocato. Una prova di coraggio degna dei più temerari.

Thailandia, gavettoni d’acqua – il capodanno thailandese si festeggia tra il 13 e il 15 aprile, in questi giorni i cittadini in strada si prendono a secchiate d’acqua.

Scozia, un tuffo a Edimburgo – A Edimburgo gli scozzesi invece si tuffano ne’’acqua gelida con tanto di kilt per festeggiare l’arrivo del nuovo anno.

Altri capodanni più strani

Cina, chiasso per spaventare il mostro – In Cina il capodanno arriva un mese dopo il nostro. Nei circa 15 giorni di festa i cittadini si vestono di rosso e sfilano per le città facendo un gran baccano al fine di spaventare il mostro mitologico Nian che, secondo tradizione, si sveglia in questi giorni per divorare gli uomini.

Ecuador, il Carnevale del vecchio anno – un vero e proprio carnevale il capodanno ecuadoriano.

In strada sfilano pupazzoni che ritraggono personaggi famosi e politici del paese e li si dà fuoco per simboleggiare il vecchio che viene messo alle spalle.

Giappone, il silenzio del Toshigami – I giapponesi invece all’opposto dei cinesi preferiscono il silenzio per festeggiare dal 31 dicembre al 3 gennaio il proprio capodanno. Il tradizionale Toshigami prevede che allo scoccare della mezzanotte del 31 dicembre ci sia silenzio assoluto, l’unico suono da ascoltare è il rintocco delle campane del tempio buddista.

Potrebbe interessarti anche Cosa si può fare e cosa no a Capodanno 2022 con le nuove regole del Governo

Argomenti: