Caos voli aerei cancellati e scioperi: cosa accadrà tra luglio e agosto per chi deve partire

Voli aerei cancellati, tra scioperi e mancanza di personale: caos per l'estate 2022.

di , pubblicato il
Voli aerei

Continuano i disagi per i voli aerei durante l’estate 2022. Nonostante le prenotazioni per le vacanze estive sono sempre di più, considerando anche i rincari, le compagnie aeree stanno cancellando i voli e la situazione sembra andrà a peggiorare tra luglio e agosto. Le cancellazioni dei voli sono diventate un vero e proprio problema questa estate, a cui si aggiungono gli scioperi delle compagnie low cost, che si prevedono sempre più frequenti. E’ di poche ore fa la notizia che Ryanair ha indetto un nuovo sciopero dei piloti e assistenti di volo per sabato 25 giugno. Ma cerchiamo di capire il motivo dei voli cancellati.

Voli aerei cancellati, tra scioperi e mancanza di personale: caos per l’estate 2022

Nelle ultime settimane, molte compagnie aeree hanno cancellato centinaia di voli europei, e nelle prossime settimane diventeranno ancora più frequenti a causa della mancanza di personale. A causa della pandemia molti vettori avevano dovuto tagliare molti posti di lavoro e licenziare parte del personale di terra nel momento in cui i passeggeri erano in forte calo. Ora che le restrizioni sono calate e che le prenotazioni sono in aumento, le compagnie si sono ritrovate a dover cancellare i voli per mancanza di dipendenti.

Come scrive Il Post, John Holland-Kaye, amministratore delegato della società che gestisce l’aeroporto londinese di Heathrow, ha chiarito che le prenotazioni dei voli aerei sono aumentate molto più velocemente di quanto si credesse e molti vettori sono del tutto impreparati.

Compagnie aeree costrette a cancellare i voli

Tra le compagnie che di recente avevano cancellato molti voli, c’era anche EasyJet, ma non solo. Anche alcune compagnie di linea come British Airways solo a giugno hanno cancellato centinaia di voli e la situazione non andrà meglio durante l’estate, tra luglio e agosto, quando aumenteranno le partenze.

Lufthansa, Eurowings, Swiss Air e Brussels Airlines hanno annunciato che a luglio dovranno cancellare mille voli per via della mancanza di personale. E ad agosto potrebbe andare peggio.

Il prossimo sabato 25 giugno, Ryanair, Easyjet e Volotea hanno indetto uno sciopero dei voli di 24 ore di assistenti di volo e piloti, con gravi ripercussioni per chi deve partire dopo lo sciopero dello scorso 8 giugno. E a quanto pare, sembra solo l’inizio. Anche altre compagnie low cost minacciano scioperi futuri a causa di contratti di lavoro e condizioni definite “massacranti” che aggiunte al caos cancellazioni per la mancanza di personale potrebbero rendere le prossime partenze davvero complicate.

Argomenti: ,