Borsa del pastore: la pianta che regolarizza il flusso mestruale e la pressione arteriosa

Avete mai sentito parlare della borsa del pastore? Essa è famosa perché aiuterebbe a regolarizzare il flusso mestruale e la pressione arteriosa: i dettagli.

di , pubblicato il
Avete mai sentito parlare della borsa del pastore? Essa è famosa perché aiuterebbe a regolarizzare il flusso mestruale e la pressione arteriosa: i dettagli.

Avete mai sentito parlare della borsa del pastore? Ebbene, essa non è nient’altro che una pianta che appartiene alla famiglia delle Brassicaceae. Il nome preciso è bursa-pastoris che deriva dal tardo latino bursa e dal genitivo pastor. Tale pianta è una erbacea annuale e si può riconoscere con estrema facilità in quanto i suoi frutti hanno la forma del cuore. Essa è famosa perché aiuterebbe a regolarizzare il flusso mestruale e la pressione arteriosa.

Ecco i dettagli.

La borsa del pastore

La borsa del pastore è una pianta che fiorisce tutto l’anno e ha dei piccoli fiori bianchi a quattro petali. Essa è conosciuta fin dal Neolitico in quanto veniva utilizzata come alimento ma ancora oggi si mangia sia cotta che cruda insieme ad altre insalate rustiche. Soltanto nel MedioEvo, però, si cominciò ad usarla per le sue proprietà terapeutiche. La principale infatti si riteneva fosse quella di fermare il flusso del sangue. La borsa del pastore, quindi, risulterebbe utilissima quando si ha un’emorragia sopratutto di tipo uterino e come un regolatore per il flusso mestruale nonché per la pressione.

Per quanto concerne la regolazione del flusso mestruale, essa agirebbe a livello della muscolatura uterina favorendo la contrazione e facendo sì che l’emorragia si fermi. Utilizzata come impacco, ancora fresca e tagliuzzata, sarebbe invece utilissima per tamponare in loco le emorragie come quelle nasali o per arrestare il sanguinamento delle ferite. Inoltre, aiuterebbe a riequilibrare la pressione arteriosa anche in caso di iper o ipotensione.

Le proprietà della borsa del pastore

La parti della pianta la “borsa del pastore” contengono olio essenziale, flavonidi, alcaloidi, glucosidi e tannini. Proprio grazie a tali componenti la pianta vanta proprietà astringenti, emostatiche ed antiemorragiche. La borsa del pastore, come detto, ha un’azione astringente che non è utile soltanto al sistema circolatorio ma anche per il trattamento delle varici e per altri disturbi di insufficienza venosa. Risulta indicata anche in caso di diarrea e contro le infiammazioni agli occhi o ai denti nonché per il mal di testa.

Infine il balsamo del pastore allevierebbe i dolori articolari.

Per tutte queste sue proprietà, però, è sconsigliata durante l’allattamento e la gravidanza nonché quando si ha la pressione bassa. Inoltre l’uso è sconsigliato anche per chi manifesta una forte sensibilità verso il componente.

Leggete anche: Le 5 erbe aromatiche più efficaci per depurarsi e regolare il peso corporeo.

Argomenti: ,