'Pacchi Amazon a rischio blocco nel giorno del Black Friday 2021

Black Friday 2021 davvero nero per Amazon: sciopero nazionale corrieri in appalto

Pacchi Amazon a rischio blocco nel giorno del Black Friday 2021 per sciopero nazionale corrieri in appalto.

di , pubblicato il
amazon

Il 26 novembre, giorno del Black Friday 2021, ci sarà uno sciopero nazionale dei corrieri in appalto Amazon. Questi ultimi sono i dipendenti delle aziende associate ad Assoespressi che effettuano le consegne per Amazon. Lo sciopero è stato annunciato su Facebook dal segretario nazionale delle Filt Cgil il cui nome è Michele De Rose. Questo significa che nella giornata di shopping selvaggio in Italia le consegne dei pacchi saranno a rischio almeno per chi comprerà su Amazon.

Sciopero nazionale corriere in appalto Amazon per il Black Friday 2021

Venerdì 26 novembre in occasione del Black Friday, i corrieri dipendenti delle aziende iscritte ad Assoespressi che effettuano consegne di pacchi per conto di Amazon sciopereranno. L’annuncio, come detto, arriva da Michele De Rose che su Facebook comunica che è il motivo sono i ritmi e gli orari di lavoro insostenibili. Saranno coinvolti nello sciopero nazionale circa dodicimila lavoratori più tremila-quattromila stagionali.

Si è arrivati a questa decisione in occasione della prima assemblea nazionale unitaria riguardante il settore delle consegne delle merci in appalto Amazon. De Rose spiega che alla base dello sciopero c’è in primis la richiesta di abbassare i carichi di lavoro e i ritmi perché insostenibili.

Si chiede inoltre di ridurre l’orario settimanale dei driver e non solo. Il dirigente nazionale della Filt Cgil chiede anche che vi sia continuità occupazionale per tutto il personale. Questo qualora ci siano cambi di contratto e appalto. Inoltre si chiede che la responsabilità sui driver si riduca qualora vi siano danni. In più per le trasferte il driver dovrebbe guadagnare di più e dovrebbe anche ottenere un premio di risultato che ora ancora non c’è. Si chiede infine “di garantire la normativa sulla privacy, la gestione dei dati ed il controllo a distanza, escludendo ogni ripercussione di carattere disciplinare“.


Il motivo dell’agitazione è che ad ogni singolo corriere viene chiesto anche di consegnare fino a duecento pacchi al giorno in otto-nove ore. Il tutto con circa 130-140 stop regolati da un algoritmo che si aggiorna in modo costante. Quindi non sono ammesse delle pause o dei rallentamenti. Tale situazione è inaccettabile per i sindacati che chiedon di ridurre il carico delle ore settimanali: da 44 a 42 fino ad arrivare a 39.

La risposta di Amazon in merito allo sciopero dei corrieri per il Black Fiday 2021

Amazon in merito allo sciopero dichiarato dalle organizzazioni sindacali in una nota scrive di augurarsi che le trattative “riguardo i fornitori di servizi di consegna possano riprendere“. Aggiunge inoltre di sperare di “giungere ad una conclusione positiva“. La piattaforma e-commerce sottolinea anche di lavorare con tanti fornitori di servizi di consegne con corrieri inquadrati al livello G1 del Ccnl Trasporti e Logistica.

Nella nota, l’azienda comunica inoltre di mettere a disposizione dei fornitori di servizi “una tecnologia di pianificazione delle rotte che prende in considerazione diversi fattori, come il traffico“. Sottolinea poi che tutti i fornitori di servizi dovrebbero operare “nel rispetto delle normative vigenti e del Codice di Condotta dei Fornitori Amazon“. Prosegue dicendo che l’azienda è attenta a garantire che gli autisti abbiano orari di lavoro e compensi adeguati ed effettua controlli su tutte le segnalazioni di non conformità a ciò.
Leggi anche:  Calendario scioperi programmati metà novembre 2021: le date
[email protected]

Argomenti: ,