Abbonamento Netflix scricchiola con le condizioni attuali, ecco come in futuro per lo streaming potrebbe cambiare tutto

Situazione complicata per Netflix, ma la società corre ai ripari per risolvere il problema del calo di abbonamenti.

di , pubblicato il
Netflix

Che brutta tegola per Netflix, e pensare che ha fatto anche il superiore andando a muso duro contro la Russia e rimuovendo il proprio servizio dal territorio, cosa che le ha fatto perdere in un solo colpo 700 mila abbonamenti. Il problema però è che in precedenza ne aveva già persi 200 mila per scelte personali. Cosa sta succedendo, ma soprattutto come pensa di risolvere?

Abbonamento Netflix, calano gli utenti

Come mai questo calo per Netflix? Le stime degli analisti indicano addirittura 2 milioni di utenti in meno nei prossimi trimestri. Insomma, il quadro è in netto calo, non succedeva dal 2011 che la società perdesse abbonati. La concorrenza si sta facendo sentire, i prezzi dei suoi pacchetti sono troppo alti rispetto a quelli di Prime Video, Disney+ e tutti gli altri. E c’è da dire che queste due piattaforme offrono la stessa condivisione degli account e la stessa qualità altissima. In un primo momento si era pensato a un ritocco dei costi, nel senso che avrebbe voluto aumentare ancora, ma forse ora Netflix si è accorta che sarebbe un suicidio e pensa quindi alla contromossa.

Prezzi più bassi in arrivo per Netflix? Probabilmente sì, ma ci sarà uno scotto da pagare, ossia la pubblicità. Ebbene sì, i costi della piattaforma streaming sembrano ormai troppo alti per consentire un abbassamento dei prezzi senza alcuna ripercussione. Per questo motivo Netflix sta pensando di inserire la pubblicità nella sua piattaforma, così di permettere ai suoi abbonati di vedere i suoi contenuti magari a un prezzo leggermente inferiore (ipotizziamo i costi in vigore prima dell’ultimo aumento, quindi un paio di euro in meno per gli abbonamenti Premium e Medium).

Abbonamento Netflix, la soluzione

Non c’è solo questa soluzione per Netflix, il colosso sta infatti pensando anche a un modo per fermare la condivisione della password. Secondo le analisi sono almeno 100 milioni coloro che la condividono, di cui 30 milioni solo tra USA e Canada. Questa degli account però sembra una soluzune di difficile applicazione, e rientrerebbe nel possibile aumento degli account multipli. È più probabile quindi che si rimanga nell’ottica della pubblicità, cosa che tra l’altro sta pensando di fare anche Disney+.

Potrebbe interessarti anche Streaming Netflix perde abbonati, ecco cosa sta succedendo al colosso americano quotato a Wall Street

Argomenti: