A Fuori dal coro la verità sull’Italia, siamo in guerra ma non si dice

La scomoda e preoccupante verità di Fuori dal Coro, secondo il programma d'inchiesta l'Italia è in guerra, ma non lo dicono.

di , pubblicato il
Finde del mondo

Nella puntata di Fuori dal Coro andata in onda ieri su Rete 4 si inquadrano due momenti clou, la resistenza dell’Ucraina e la posizione dell’Italia. Siamo in guerra, secondo Mario Giordano e i suoi ospiti, ma al momento è meglio tacere questa verità.

Italia in guerra, la sconcertante verità

È davvero in guerra l’Italia? Secondo quanto detto ieri sera a Fuori dal Coro è proprio così. L’Italia non solo sta inviando aiuti umanitari, ma anche armi e le parole di Draghi in Parlamento di ieri pomeriggio fanno capire che il sostegno del nostro paese all’Ucraina è totale. Il nostro presidente era in collegamento, insieme a tutti gli altri esponenti del Governo, con il presidente ucraino Zelensky, che da un maxischermo montato in Senato raccontava l’impresa del suo popolo e ringraziava gli italiani del sostegno finora ricevuto.

La situazione però ora è drammatica e secondo Feltri, altro ospite in studio, ad aggravare le cose è stato proprio Zelensky, proclamato già eroe dai paesi occidentali, mentre a suo dire si tratta di un presidente scellerato che ha messo in atto una serie di scelte scriteriate. “È come se io volessi fare a cazzotti con Tyson” dice Feltri. Secondo il giornalista infatti non è sensato per l’Ucraina fare questo braccio di ferro con la Russia, doveva invece accettare la resa e sedersi dignitosamente a un tavolo di trattative per cercare di limitare il più possibile i danni.

Italia in guerra, che fine faremo?

Il punto ora però è capire cosa realmente rischia l’Italia mettendosi dichiaratamente contro la Russia. Il paese ora si trova probabilmente ad affrontare, proprio come l’Ucraina, un avversario più forte di lui. C’è da dire però che in questo caso non saremo soli e la minaccia di una terza guerra mondiale in questo senso è sempre più tangibile, anche se è molto probabile che prima delle armi si possa passare a sanzioni economiche ancora più stringenti e deleterie, con tutti i rischi che l’estromissione totale della Russia può comportare per il resto dell’economia mondiale.

Potrebbe interessarti anche Avviso dal Cremlino, ecco quando la Russia potrebbe utilizzare le armi nucleari

Argomenti: ,