ZF rivela più dettagli per la sua nuova unità ibrida

ZF fornisce ulteriori dettagli sulla trasmissione ibrida che verrà prodotta tra gli altri anche per Fiat Chrysler Automobiles e Bmw

di , pubblicato il
ZF fornisce ulteriori dettagli sulla trasmissione ibrida che verrà prodotta tra gli altri anche per Fiat Chrysler Automobiles e Bmw

ZF ha già ricevuto ordini di svariati miliardi da parte di BMW e Fiat Chrysler per la nuova trasmissione automatica del modulo ibrido a otto velocità. Il fornitore ora fornisce ulteriori dettagli sulla trasmissione. Un sistema modulare consente di implementare azionamenti ibridi leggeri, pieni e plug-in con picchi di potenza da 24 a 160 kW. L’elettronica di potenza non è più progettata come unità separata, ma è completamente integrata nell’alloggiamento della trasmissione.

Questo è possibile perché ZF ha progettato la trasmissione per l’ibridazione fin dall’inizio. Fino ad ora, il convertitore di coppia delle trasmissioni ibride è stato semplicemente sostituito da un motore elettrico con la massima densità di potenza possibile. Poiché l’alloggiamento della trasmissione, che era stato originariamente progettato per un convertitore, specificava il design, le trasmissioni automatiche precedenti erano severamente limitate nelle loro prestazioni elettriche.

ZF fornisce ulteriori dettagli sulla trasmissione ibrida che verrà prodotta tra gli altri anche per FCA e Bmw

ZF afferma che l’alloggiamento della nuova trasmissione è stato progettato per un motore elettrico più grande e più potente. Tuttavia, le dimensioni esterne della trasmissione non aumentano: con un nuovo sistema di controllo idraulico notevolmente più piccolo,  la società tedesca afferma di essere riuscita a trovare lo spazio di installazione necessario per i componenti elettrici ed elettronici.

L’elettronica di potenza, che ora è integrata nella trasmissione stessa, aiuta in questo. Secondo ZF, tuttavia, era necessario un nuovo sistema di raffreddamento perché alcuni dei semiconduttori di potenza possono diventare molto caldi durante il funzionamento. Per i produttori di automobili, l’elettronica di potenza integrata offre due vantaggi: da un lato, devono installare meno cavi ad alta tensione nell’automobile, aumentando così la sicurezza. Inoltre, l’elettronica di potenza, che in precedenza aveva le dimensioni di una scatola da scarpe, non deve più essere installata nell’automobile, secondo il produttore adesso l’assemblaggio della nuova trasmissione ibrida non è molto più complesso di quello di una convenzionale trasmissione.

Con il nuovo motore elettrico (oltre alla citata potenza di picco di 160 kW, ZF specifica una potenza continua di 80 kW), i componenti di guida elettrica del PHEV devono essere notevolmente aumentati. Anche senza il motore a combustione, la coppia massima è di 450 Newton metri: ciò dovrebbe consentire una rapida accelerazione anche in modalità E pura, ad esempio durante le manovre di sorpasso.

La trasmissione non è progettata solo per PHEV, ma anche per ibridi miti con tensione operativa di 48 V. Qui i motori elettrici non si trovano nella scatola del cambio stessa, ma principalmente sull’albero motore all’uscita del motore (chiamato P1) o come P2 sull’albero di ingresso del cambio.

ZF inizierà la produzione della quarta generazione della trasmissione automatica a otto velocità nel 2022, inizialmente a Saarbrücken, in Germania. Poco dopo, avrà luogo anche il lancio sul mercato in Cina e negli Stati Uniti. ZF ha già trovato i primi clienti per la trasmissione: solo all’inizio del mese, il terzo fornitore tedesco ha annunciato che Fiat Chrysler aveva emesso un ordine importante per le trasmissioni automatiche con componenti ibridi dopo BMW. Insieme all’ordine di BMW, il volume degli ordini ammonta a 15-20 miliardi di euro.

Leggi anche: Maserati Levante Trofeo V8 Launch Edition sarà la grande attrazione del tridente a Ginevra

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: