Volvo è la prima casa automobilistica ad esportare automobili dalla Cina all’Europa in treno

Volvo Cars è diventata la prima casa automobilistica al mondo ad esportare macchine fatte in Cina per l'Europa direttamente in treno

di Andrea Senatore, pubblicato il
Volvo

Le prime berline premium Volvo S90, costruite presso lo stabilimento della casa svedese a Daqing in Cina, sono arrivate in un centro di distribuzione a Zeebrugge, in Belgio questa settimana. Le vetture sono state trasportate in Belgio tramite il collegamento ferroviario Cina-Europa di recente apertura. Il collegamento in questione riduce il tempo necessario per il trasporto di veicoli in Europa di due terzi rispetto al percorso navale.

 

Volvo inaugura nuova modalità di trasporto dalla Cina

 

L’itinerario del treno unisce la strategia di produzione e la logistica globale di Volvo sempre più interessata ad intercettare i flussi multi-miliardari tra Cina ed Europa. Si tratta insomma di un’iniziativa che cerca di resuscitare la cosiddetta “Via della Seta”. questa altri non è che una rotta commerciale secolare che potrebbe dunque andare bene per dare il via ad una nuova era del settore automotive. Il collegamento ferroviario mette in evidenza anche come la Cina si stia trasformando in un vero e proprio hub globale di produzione ed esportazione per prodotti di largo consumo di fascia alta.

 

Volvo è stata la prima casa automobilistica occidentale ad esportare una macchina lusso fatta in Cina per gli Stati Uniti nel 2015 con la nuova S60. Nel novembre dello scorso anno, Volvo ha iniziato la costruzione di versioni di fascia alta della sua berlina premium S90 a Daqing per le esportazioni a livello mondiale e sarà proprio li che molto presto avverrà la produzione di tutti i veicoli S90 per l’esportazione globale.

 

Leggi anche: Volvo: importante traguardo raggiunto al Salone di Torino 2017

 

Volvo

Volvo sarà la prima casa automobilistica al mondo ad esportare vetture fatte in Cina in Europa trasportandole in treno

 

Leggi anche: Volvo XC40: il nuovo crossover avrà più tessuto nel suo rivestimento interno

 

Il trasporto in treno riduce anche l’impatto ambientale

 

Al di là di brevi tempi di attesa per i clienti, la ferrovia è anche una scelta più intelligente in termini di impatto ambientale per le operazioni logistiche. Data la stessa distanza, le emissioni di CO2 per tonnellata / km sono ridotte di un terzo, scegliendo il trasporto ferroviario rispetto al trasporto marittimo. In questo caso, il risparmio sarà ancora più alto sulla base di una distanza più breve.

 

Leggi anche: Volvo S60 Polestar: record segreto al Nurburgring poi superato da Alfa Romeo Giulia

 

Volvo's 60th anniversary celebration

Leggi anche: Volvo Serie 20: si amplierà presto la gamma della casa svedese

 

Ciascuno dei treni dedicati al trasporto di auto Volvo viaggiano tra Daqing e Zeebrugge trasportando circa 225 vetture alla volta. Queste vengono trasportate in contenitori appositamente progettati per questo scopo.

 

Un contenitore contiene tre vetture posizionate in angoli diversi, al fine di massimizzare l’uso dello spazio disponibile all’interno. Inizialmente, i treni partiranno da Daqing una volta alla settimana. Il piano è però quello di aumentare questa frequenza  mano mano che i volumi di produzione cresceranno.

 

Ricordiamo infine che la produzione della berlina S90 in Cina è stata avviata nel 2016. Il motivo di ciò è da ravvisare nel fatto che in questa maniera si è potuto consentire allo stabilimento svedese di Torslanda di concentrarsi  sulla produzione dei nuovi Suv XC60 e XC90. 

 

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Volvo