Volvo lancia la tecnologia di comunicazione veicolo-veicolo (V2V) in tutta Europa

Volvo V2V: la nuova tecnologia dal 2020 sarà implementata in tutte le vetture della casa automobilistia svedese

di , pubblicato il
Volvo V2V: la nuova tecnologia dal 2020 sarà implementata in tutte le vetture della casa automobilistia svedese

Volvo ha annunciato l’intenzione di lanciare la tecnologia di comunicazione veicolo-veicolo (V2V) in tutta Europa. La tecnologia di sicurezza consentirà ai veicoli della casa automobilistica svedese di comunicare tra loro, inviando avvisi basati su cloud quando vengono rilevate strade scivolose o si attivano luci di emergenza. “I proprietari delle nostre auto contribuiranno direttamente a rendere le strade più sicure per altri conducenti che abilitano la funzione, mentre beneficiano anche di allarmi precoci a condizioni potenzialmente pericolose future”, afferma Malin Ekholm, responsabile del Centro sicurezza auto della società svedese.

La nuova tecnologia dal 2020 sarà implementata in tutte le vetture della casa automobilistia svedese

Il sistema sarà supportato su tutti i nuovi veicoli Volvo dal 2020 e potrà essere installato su modelli precedenti. La società ha inoltre invitato altre case automobilistiche a condividere dati anonimi relativi alla sicurezza del traffico. Più nel dettaglio si tratta delle funzionalità chiamate Hazard Light Alert e Slippery Road Alert. Queste saranno messe a disposizione di tutti i nuovi modelli della casa svedese e anche di quelli attuali che sono compatibili con tali sistemi. Anche in questa maniera la società automobilistica vuole contribuire a migliorare la sicurezza nelle strade dopo aver deciso di introdurre un limite alle proprie vetture di 180 km orari a partire dal 2021.

Leggi anche: Volvo vuole introdurre in tutte le sue auto dal 2020 telecamere di monitoraggio del conducente

Volvo V2V: la nuova tecnologia dal 2020 sarà implementata in tutte le vetture della casa automobilistia svedese

Leggi anche: Volvo: in California i concessionari protestano contro il servizio di abbonamento per auto

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: