Volvo in Cina produzione ferma per il Coronavirus

Volvo prevede di perdere almeno due settimane di vendite, produzione e consegne in Cina a causa dello scoppio del coronavirus

di , pubblicato il
Volvo prevede di perdere almeno due settimane di vendite, produzione e consegne in Cina a causa dello scoppio del coronavirus

Volvo prevede di perdere almeno due settimane di vendite, produzione e consegne in Cina a causa dello scoppio del coronavirus. Lo ha dichiarato giovedì il numero uno della società svedese, il CEO Hakan Samuelsson . “La Cina è arrivata a un punto morto, e ciò influenzerà la nostra azienda, così come altre società”, ha detto Samuelsson. La società ha venduto 154.961 auto in Cina nel 2019, un aumento del 19% in un mercato che è sceso complessivamente del 7,4%.

Volvo prevede di perdere almeno due settimane di vendite, produzione e consegne in Cina a causa dello scoppio del coronavirus

La Cina è il suo più grande mercato individuale, sebbene nel 2019 abbia venduto oltre 341.000 auto in Europa. Volvo ha un certo numero di fabbriche in Cina. In quel paese produce il SUV di medie dimensioni XC60 a Chengdu, il SUV compatto XC40 a Luqiao e la grande berlina S90 a Daqing. Inoltre, anche il marchio elettrico Polestar di Volvo ha aperto una fabbrica separata a Chengdu. La casa automobilistica ha anche diversi impianti di assemblaggio del motore.

Tali strutture sono rimaste chiuse dopo le vacanze di Capodanno, ha detto Samuelsson. “Stiamo seguendo le raccomandazioni delle autorità locali, il che significa che evitiamo di riunire le persone, le fabbriche non si sono aperte e alle persone viene chiesto di rimanere a casa ed evitare i contatti”, ha detto. “È come se il tempo si fosse fermato”, ha detto della situazione in Cina. “Sono fondamentalmente due settimane di vendite, di produzione, di filiera che sono state eliminate.”

Leggi anche: Volvo: il nuovo sistema di infotainment sarà facile “come uno smartphone”

Argomenti: