Volvo: in futuro le vetture elettriche avranno autonomia di 400 km

Dal Salone dell'auto di Ginevra arrivano interessanti novità che riguardano Volvo relative alle sue future auto elettriche e anche ai motori diesel

di Andrea Senatore, pubblicato il
Volvo

Giornate importanti quelle che Volvo sta vivendo al Salone dell’auto di Ginevra, dove la casa automobilistica svedese di proprietà cinese è una delle grandi protagoniste nell’edizione 2017 della prestigiosa manifestazione. Nelle scorse ore importanti notizie sono state date da alcuni dirigenti della società per quanto concerne il futuro prossimo di questo brand che ha fatto la storia dell’automobilismo internazionale.

 

Lex Kerssemakers, Chief Executive Volvo Car per gli Stati Uniti, nelle scorse ore ha confermato che  la prima vettura completamente elettrica di Volvo si caratterizzerà per avere un’autonomia di almeno 400 km. Questo modello salvo imprevisti dovrebbe arrivare nel corso  dell’anno 2019. Per quanto riguarda il prezzo sempre secondo il dirigente svedese la vettura dovrebbe avere un prezzo di partenza intorno ai 35/40.000 dollari.

 

Volvo punta forte sull’elettrificazione del settore. Non a caso le sue nuove piattaforme SPA ( pensata per i suoi veicoli più grandi) e CMA (realizzata per le sue vetture di media grandezza) sono state progettate per poter in futuro ospitare anche propulsori totalmente elettrici. La cosa su cui a società svedese punta maggiormente però come abbiamo detto poc’anzi è quella di dare alle sue future vetture un’autonomia molto importante.

 

Si parla infatti di un’autonomia completa di non meno di 400 km. Se davvero Volvo riuscirà a raggiungere questo obiettivo allora è facile prevedere che le auto elettriche avranno un ruolo sempre più importante nella gamma della casa europea nei prossimi anni. 

 

Leggi anche: Audi, Renault e Volvo: novità importanti dal mondo dei motori

 

Volvo

Volvo

 

Leggi anche: Volkswagen Touareg 2018: nuove foto spia dalla patria di Volvo

 

Sempre a proposito di Volvo, segnaliamo anche che il CEO Håkan Samuelsson nelle scorse ore ha rilasciato alcune dichiarazioni assai interessanti e che hanno fatto molto scalpore nel mondo dei motori. Il numero uno della società svedese infatti ha detto che secondo lui entro il 2020 i motori diesel potrebbero anche sparire.

 

Adeguarsi alle nuove regole previste sui limiti alle emissioni nocive potrebbe risultare troppo costoso per le case automobilistiche che a quel punto preferirebbero rinunciare ad avere motori diesel nella gamma delle proprie vetture piuttosto che dover spendere molti soldi per rendere gli attuali motori diesel idonei a rispettare tali normative. 

 

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Volvo

Leave a Reply