Volkswagen: l’ex CEO sospettato di evasione fiscale in Germania

Bild am Sonntag rivela che l'ex numero uno di Volkswagen Winterkorn sarebbe sotto indagine per evasione fiscale

di Andrea Senatore, pubblicato il
Volkswagen
In Germania i procuratori stanno indagando sull’ex CEO di Volkswagen, Martin Winterkorn, per il sospetto che possa aver evaso le tasse. Lo ha rivelato il quotidiano tedesco Bild am Sonntag. Winterkorn era stato già nel mirino degli investigatori in passato nello scandalo dieselgate. All’epoca gli investigatori avevano indagato per capire se il dirigente fosse informato dell’illecito. Ma il giornale ha riferito domenica che l’ex numero uno del gruppo automobilistico di Wolfsburg potrebbe avere ulteriori problemi legali. Citando documenti di indagine, il giornale ha detto che Winterkorn ha trasferito circa 10 milioni di euro in conti bancari svizzeri nel 2016 e nel 2017. Una parte della somma potrebbe essere stata sottratta all’agenzia delle entrate tedesca.

Bild am Sonntag rivela che l’ex numero uno di Volkswagen Winterkorn sarebbe sotto indagine per evasione fiscale

L’avvocato di Winterkorn, Felix Dörr, ha detto a Bild am Sonntag che non c’era nulla di irregolare  e che la procedura era “esente da qualsiasi pretesa fiscale”. Secondo il rapporto, Winterkorn aveva trasferito enormi somme al conto del suo consulente fiscale. Da lì, i fondi sono stati inviati su conti svizzeri, tra cui uno tenuto dalla moglie di Winterkorn. I procuratori sospettano che Winterkorn stia costruendo una scorta in Svizzera nel caso in cui venga giudicato responsabile per i danni alla Volkswagen per lo scandalo dieselgate. 

Volkswagen  ha ammesso nel 2015 di essere a conoscenza dell’installazione in alcuni suoi modelli diesel dei cosiddetti “dispositivi di disfunzione” per ingannare i test di inquinamento effettuati in laboratorio. Da allora, diversi dirigenti del gigante dell’auto sono stati coinvolti in guai legali. I pubblici ministeri stavano già indagando su Winterkorn per il sospetto che avrebbe saputo della truffa prima di quanto ammettesse e non avrebbe rispettato il suo dovere di informare gli investitori sui rischi finanziari che stava correndo la sua società.

Leggi anche: Volkswagen ha riparato l’80% dei veicoli europei interessati dal dieselgate

Volkswagen

Leggi anche: Nuova Volkswagen Touareg: guida semi autonoma grazie al Traffic Jam Assist

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Volkswagen