Volkswagen lancia il servizio di car sharing completamente elettrico WeShare

Volkswagen ha lanciato ieri a Berlino il servizio di Car Sharing con sole auto elettriche WeShare

di , pubblicato il
Volkswagen ha lanciato ieri a Berlino il servizio di Car Sharing con sole auto elettriche WeShare

Rispettando i propri piani rivelati lo scorso anno, Volkswagen sta effettivamente lanciando il suo servizio WeShare. Si tratta di un nuovo servizio condiviso simile a Car2Go o Maven di GM, ma con solo veicoli completamente elettrici. Inizialmente, WeShare sarà disponibile solo a Berlino, dove sarà lanciato oggi con 1.500 auto Volkswagen e-Golf che costituiscono la flotta di noleggio on-demand. Il piano è quello di aggiungere altre 500 macchine alla popolazione disponibile all’inizio del prossimo anno, in particolare l’e-up! l’auto elettrica della city company e poi ospitare anche la nuovissima ID.3 completamente elettrica quando verrà lanciata ufficialmente.

Volkswagen ha lanciato ieri a Berlino il servizio di Car Sharing con sole auto elettriche WeShare

In termini di nuove aree geografiche, WeShare punterà al lancio a Praga (in collaborazione con il sub-brand Skoda del Gruppo VW) e anche ad Amburgo, entrambi nel 2020. WeShare ha un’area di copertura che include il centro di Berlino e un po’ oltre la linea ferroviaria Ringbahn che lo circonda. Le auto sono disponibili in un accordo “flottante”, il che significa che saranno libere di salire e parcheggiare ovunque sia disponibile un parcheggio pubblico.

Questo modello a senso unico, che è quello utilizzato dal concorrente Car2go, si distingue da quello della concorrenza. WeShare si assumerà anche la responsabilità di ricaricare i veicoli secondo necessità e lo farà utilizzando la rete di ricarica pubblica disponibile a Berlino, ma in seguito cercherà di incentivare gli utenti effettivi del sistema a ricaricare quando i veicoli ne hanno bisogno.

Il car sharing, soprattutto a senso unico, ha avuto un track record hit-and-miss fino ad oggi. Car2go ha chiuso le operazioni a Toronto e Chicago, ad esempio, a causa dell’incompatibilità con le operazioni cittadine per quanto riguarda il parcheggio nel caso di Toronto e ai casi di delinquenza dilaganti a Chicago che hanno portato all’utilizzo di queste automobili per commettere crimini.

Volkswagen ha osservato tuttavia che il numero di utenti di car sharing è passato da 180.000 persone nel 2010 a 2,46 milioni all’inizio del 2019.

Volkswagen possiede e gestisce anche un servizio di ridesharing completamente elettrico chiamato MOIA, che ha costruito un proprio veicolo adatto allo scopo e che attualmente opera ad Amburgo e Hannover. L’anno scorso, VW ha detto che le due società, che offrono modelli di servizio molto diversi, lavoreranno insieme in futuro.

Leggi anche: Ford e Volkswagen: un accordo tra le due società creerebbe un leader nel settore AV

Argomenti: