'Volkswagen deve affrontare una mega Class action in Germania per il Dieselgate - Motori e Auto - Investireoggi.it

Volkswagen deve affrontare una mega Class action in Germania per il Dieselgate

Volkswagen è sotto processo in Germania lunedì contro centinaia di migliaia di consumatori che chiedono risarcimenti

di , pubblicato il
Volkswagen

Volkswagen è sotto processo in Germania lunedì contro centinaia di migliaia di consumatori che chiedono risarcimenti a seguito del cosiddetto scandalo “Dieselgate”. Più di 400.000 proprietari di auto diesel hanno aderito all’azione di classe contro il costruttore, aperto alle 08:00 CEST nella città settentrionale di Brunswick. Il processo dovrebbe durare fino al 2023.

Volkswagen è sotto processo in Germania contro centinaia di migliaia di consumatori

Sono rappresentati dal gruppo di consumatori che accusa Volkswagen di aver deliberatamente messo a rischio i propri consumatori installando software per imbrogliare il test delle emissioni. Prima dell’udienza, il presidente del gruppo, Klaus Muller, ha dichiarato: “A nostro avviso, Volkswagen ha imbrogliato e, pertanto, deve essere ritenuta responsabile”.

Tuttavia, anche se il tribunale si dovesse pronunciare a favore dei querelanti, questi non saranno automaticamente risarciti e dovranno presentare richieste individuali. “Vogliamo procedure rapide. Non aiuta nessuno se questo processo si dovesse trascinare inutilmente”, ha detto Volkswagen in una dichiarazione a Euronews, aggiungendo tuttavia che si stanno “preparando per una lunga procedura”.

La società ha respinto l’argomento che le loro auto sono dannose, scrivendo: “i veicoli sono guidati da centinaia di migliaia di clienti ogni giorno, sono sicuri e affidabili, motivo per cui non crediamo che ci siano danni e quindi nessun motivo per una causa legale “.

Ha anche affermato che “un accordo è difficilmente immaginabile, dal momento che non è del tutto chiaro chi ha presentato queste pretese.” A quattro anni dallo scoppio dello scandalo e dopo aver ammesso di aver installato un software per la riduzione delle emissioni di 11 milioni di automobili, la società tedesca sta ancora lottando con diverse battaglie legali.

La scorsa settimana, l’amministratore delegato Herbert Dies, il capo del consiglio di sorveglianza Hans Dieter Poetsch e l’ex CEO Martin Winterkorn sono stati accusati di manipolazione del mercato in un caso contrario alla società agli investitori.

Finora lo scandalo è costato alla casa automobilistica € 30,2 miliardi, la stragrande maggioranza pagata ai regolatori e ai consumatori statunitensi. In Germania, ha pagato tre multe per un totale di 2,3 miliardi di euro.

Leggi anche: Volkswagen: Diess, Poetsch e l’ex CEO Winterkorn accusati di manipolazione del mercato azionario

Argomenti: