Volkswagen costituisce una joint venture con Didi per il car sharing

Il gruppo tedesco ha costituito una joint venture con Didi Chuxing, il maggiore operatore cinese di ride-ride, per lo sviluppo di tecnologie per il car sharing

di , pubblicato il
Il gruppo tedesco ha costituito una joint venture con Didi Chuxing, il maggiore operatore cinese di ride-ride, per lo sviluppo di tecnologie per il car sharing

Il gruppo Volkswagen ha costituito una joint venture con Didi Chuxing, il maggiore operatore cinese di ride-ride, per lo sviluppo di tecnologie per il car sharing. La partnership da 64 milioni di yuan ($ 9,6 milioni) è stata inaugurata nel distretto suburbano di Jiading a dicembre. La nuova società è detenuta al 60% da Didi, con il restante 40%  che appartiene a Volkswagen, secondo il National Enterprise Credit Information System di Pechino, che monitora lo stato di credito delle imprese cinesi.

Ulteriori dettagli sulla nuova impresa non sono stati rilasciati. L’azienda di Wolfsburg è l’unica casa automobilistica globale che ha collaborato con Didi per ottenere l’accesso al mercato cinese per questo tipo di servizi.

Il gruppo tedesco ha costituito una joint venture con Didi Chuxing

A gennaio, Beijing Electric Vehicle, un’unità del produttore automobilistico cinese BAIC Motor Group, ha anche costituito una joint venture con Didi per sviluppare veicoli elettrici personalizzati e sistemi di auto connessi per la flotta di Didi. Volkswagen è stata a lungo la più grande casa automobilistica in Cina come numero di vendite. Nel 2018, il colosso automobilistico tedesco consegnò 4,21 milioni di veicoli con più marchi. Didi è un’azienda cinese che ha sede a Pechino. Oltre alle città in tutta la Cina, la società ha anche lanciato servizi di guida in città selezionate in Australia, Brasile, Messico e Giappone.

Leggi anche: Volkswagen: per il CEO  Herbert Diess i dazi di Donald Trump potrebbero avere coneguenze mortali

Volkswagen ha costituito una joint venture con Didi Chuxing, il maggiore operatore cinese di ride-ride, per lo sviluppo di tecnologie per il car sharing

Leggi anche: In Europa il segmento delle city car è in difficoltà, Volkswagen e PSA pronte all’addio

Argomenti:

I commenti sono chiusi.