Volkswagen apre ai risarcimenti per il dieselgate in Germania

Volkswagen disposta a trattare sui risarcimenti dei clienti di auto coinvolti nel dieselgate in Germania

di , pubblicato il
Volkswagen

Volkswagen ha detto giovedì che aprirà i colloqui per trovare un accordo in una causa di massa promossa da centinaia di migliaia di proprietari di auto diesel in Germania. “La Volkswagen e la Federazione delle organizzazioni tedesche dei consumatori (VZBV) hanno concordato di avviare discussioni su un possibile accordo”, ha dichiarato la società in una nota.

Entrambe le parti hanno affermato che mentre “le discussioni sono in una fase molto precoce e non vi è alcuna garanzia” di un accordo, sperano di trovare una “soluzione pragmatica a vantaggio del cliente”.

Volkswagen disposta a trattare sui risarcimenti dei clienti di auto coinvolti nel dieselgate in Germania

Circa 400.000 proprietari di auto diesel hanno aderito a una causa di massa contro la Volkswagen per l’ammissione del gruppo nel 2011 di aver imbrogliato sulle emissioni che hanno interessato 11 milioni di veicoli in tutto il mondo. La casa automobilistica di Wolfsburg e le sue consociate hanno incorporato i cosiddetti dei dispositivi illegali nel software di controllo del motore, per farli apparire meno inquinanti in laboratorio che in condizioni di guida reali. Il “dieselgate” è costato all’azienda oltre 30 miliardi di euro.

La maggior parte di questa somma è stata spesa in multe, riacquisti e indennizzi negli Stati Uniti, con conseguenze molto più lievi in ​​Europa e nel mercato nazionale tedesco della Volkswagen. Anche con una nuova forma di azione legale di massa introdotta in risposta alla crisi, il lento processo giudiziario implica che i conducenti diesel tedeschi hanno dovuto affrontare anni di attesa e incertezza sul fatto che sarebbero mai stati compensati. Un’offerta di transazione sarebbe valida se accettata da almeno il 70 percento dei querelanti, ha dichiarato VZBV sul suo sito web.

Leggi anche: Volkswagen pensa ad un robot per ricaricare più facilmente le sue auto elettriche

Argomenti: