Volkswagen: anche Bosch dovrà risarcire i suoi clienti per il Dieselgate

Nello scandalo emissioni truccate che ha colpito il gruppo automobilistico tedesco Volkswagen, anche Bosch dovrà risarcire i suoi clienti negli USA

di Andrea Senatore, pubblicato il
Volkswagen

Dagli Stati Uniti arriva notizie di nuovi rimborsi che il gruppo tedesco Volkswagen dovrà sostenere per mettere la parola fine all’incubo dieselgate. Ieri è stato chiarito che altri 1,2 miliardi di dollari dovranno essere versati come risarcimento dalla casa automobilistica con sede a Wolfsburg ai suoi clienti, che sono rimasti coinvolti negli Stati Uniti nello scandalo emissioni truccate. Questi avranno diritto oltre ad un rimborso integrale sull’auto acquistata oppure alla sua sostituzione anche ad un ulteriore risarcimento. Inoltre oggi arriva notizia che anche Bosch dovrà rimborsare i clienti Volkswagen sborsando ulteriori 330 milioni di dollari.

Questo prevede l’accordo, raggiunto presso la corte federale di San Francisco dai legali di Bosch. Secondo quanto racconta la Reuters, l’accordo di Bosch con il tribunale di San Francisco sarà ratificato il prossimo 14 febbraio 2017. Nello scandalo che ha colpito Volkswagen, Bosch è stata tirata in ballo in quanto fornitore delle centraline di controllo delle emissioni dei propulsori incriminati. Entrando nel dettaglio la celebre azienda di elettronica dovrà sborsare 163,3 milioni di dollari ai 475 mila proprietari di vetture con motore 2.0 TDI  e altri 113,3 milioni per gli oltre 78 mila clienti di auto con motore 3.0 V6 TDI.

Leggi anche: Volkswagen Golf GTI: l’ottava generazione potrebbe essere ibrida

Volkswagen

Volkswagen: anche Bosch dovrà rimborsare i clienti americani delle vetture tedesche a causa del Dieselgate

Leggi anche: Audi A1: anche una versione ibrida per la nuova generazione

Sempre a proposito di Volkswagen, per quanto riguarda la somma dei risarcimenti che fino ad ora la casa automobilistica tedesca ha dovuto sborsare negli Stati Uniti per chiudere la vicenda relativa al Dieselgate, con l’aggiunta di questi ulteriori 1,2 miliardi di dollari si è arrivati alla cifra complessiva di 25 miliardi di dollari. Insomma un conto salatissimo per il gruppo tedesco che nonostante ciò però ha chiuso il 2016 nel migliore dei modi, raggiungendo la prima posizione tra le case automobilistiche che hanno venduto più auto nel mondo, scalzando Toyota. 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Volkswagen

I commenti sono chiusi.