Una nuova tecnologia consentirà la ricarica wireless di un telefono da qualsiasi punto di un’auto

Yank Technologies ha mostrato al CES di Las Vegas una nuova tecnologia che consente di ricaricare il telefono in qualsiasi parte dell'auto

di , pubblicato il
Yank Technologies

Yank Technologies ha partecipato al Consumer Electronics Show (CES) di Las Vegas mostrando una tecnologia molto interessante. La tecnologia si basa su array di antenne tridimensionali e sviluppi avanzati dell’amplificatore e consente di ricaricare un dispositivo da qualsiasi parte dell’auto. Si tratta dunque di un wireless vero e proprio che non richiede alcun contatto fisico tra un telefono e un pad di ricarica. E’ ovviamente necessario che il telefono supporti la ricarica wireless o che un adattatore di ricarica wireless sia collegato a un dispositivo.

Yank Technologies ha mostrato al CES una nuova tecnologia che consente di ricaricare il telefono in qualsiasi parte dell’auto

Yank Technologies ha inoltre affermato che il suo sistema di ricarica emette solo 0,06 watt per chilogrammo di radiazioni di onde radio misurate dalla Federal Communications Commission. “Siamo entusiasti di introdurre la nostra tecnologia di ricarica wireless senza barriere nel mercato automobilistico, aiutando i produttori di automobili a integrare nuove funzionalità e creare nuove e straordinarie esperienze per i passeggeri”, ha dichiarato Josh Yank, CEO di Yank Technologies, Inc. “La nostra soluzione unica è versatile , veramente wireless e alimenta i dispositivi indipendentemente dal fatto che siano in movimento e senza contatto. ”

Il design flessibile della tecnologia non solo offre una comoda soluzione di ricarica per i passeggeri, ma può anche essere applicato ad altre funzioni dell’auto. Ad esempio, la tecnologia può essere utilizzata per alimentare una vasta gamma di componenti di veicoli ad alto consumo energetico come attuatori, sensori, sedili, LED e motori.

Leggi anche: FCA starebbe testando la tecnologia Faraday Future per le sue auto elettriche

Argomenti: