Una Ferrari F40 prende fuoco nelle strade di Monaco

Una Ferrari ha preso a fuoco. È successo martedì nelle strade di Monaco

di , pubblicato il
Ferrari F40

Una Ferrari F40 ha preso a fuoco. È successo martedì nelle strade di Monaco per la disperazione dell’autista e di un vicino locale, che ha cercato di estinguere le fiamme con la pompa per annaffiare le piante. La Ferrari F40 è un vero simbolo. Non solo per il suo design e i suoi quasi 500 cavalli senza aiuti elettronici, ma per il fatto che è l’ultima macchina che Enzo Ferrari stesso ha visto nella vita. Un gioiello di una collezione o un progetto di restauro senza pari, nel caso in questione.

Una Ferrari ha preso a fuoco. È successo martedì nelle strade di Monaco

Nell’era degli smartphone e dei social network, una Ferrari F40 in fiamme non passa inosservata. In effetti, c’è un video su Instagram in cui possiamo vedere come il guidatore gesticola impotente dopo essere uscito dalla macchina, quando le fiamme non hanno ancora raggiunto il loro picco. Non sono stati diffusi i dettagli sull’origine del fuoco, anche se a prima vista sembra provenire dall’area in cui si trova il motore biturbo V8 di 478 cavalli. Il ritardo dei vigili del fuoco ha portato alle fiamme che avvolgono l’intera parte posteriore del veicolo.

L’eroe anonimo di questa storia è il vicino di casa di un edificio adiacente che, con le migliori intenzioni, ha cercato di reprimere il fuoco con la manichetta per annaffiare le piante. Sfortunatamente, l’entità del disastro è stata tale che i suoi sforzi sono stati vani. La Ferrari F40 è una delle auto più famose costruite dalla casa automobilistica del cavallino rampante. La sua produzione era inizialmente limitata a 400 unità, anche se prima della valanga di ordini da Maranello decisero di estenderla a 1.311 unità.

Nel 1990 è stato stimato che solo il 10% delle F40 prodotte finora erano stata utilizzate in strada, poiché gli altri esemplari erano gelosamente custoditi nei garage in modo da non perdere valore.

Leggi anche: Formula 1: I piloti Ferrari “saranno liberi di correre l’uno contro l’altro” nel 2020

Argomenti: