Uber ordina 24 mila auto a Volvo per il suo programma di guida autonoma

Uber ha ordinato nelle scorse ore 24 mila nuove Volvo XC90 per la sua futura flotta di auto a guida autonoma, lo ha confermato la stessa Volvo.

di Andrea Senatore, pubblicato il
Uber ha ordinato nelle scorse ore 24 mila nuove Volvo XC90 per la sua futura flotta di auto a guida autonoma, lo ha confermato la stessa Volvo.

Uber ha deciso di acquistare circa 24 mila SUV Volvo XC90, che serviranno per portare a termine il suo programma per avere nei prossimi anni una flotta di auto a guida autonoma. La conferma è arrivata direttamente dalla celebre casa automobilistica svedese nelle scorse ore. I veicoli però non usciranno dalla fabbrica di Volvo già dotati della tecnologia della guida autonoma. Sarà infatti Uber ad equipaggiare i veicoli con il proprio hardware e software che renderà i Suv in grado di operare senza conducente.

I conducenti hanno fatto parte della strategia di Uber fin dall’inizio, ma la compagnia non fa mistero per il futuro di voler   creare una flotta di veicoli senza conducente per offrire ai propri clienti un servizio ancora più economico ed efficiente di quanto garantito fino a questo momento. Del resto i veicoli a guida autonoma sono molto meno complicati da gestire rispetto ai conducenti umani, come dimostrano le ultime cause che nel Regno Unito hanno visto protagonista in negativo la famosa App costretta a riconoscere ad alcuni suoi autisti lo status di dipendenti.

Uber ha ordinato nelle scorse ore 24 mila nuove Volvo XC90 per la sua futura flotta di auto a guida autonoma, lo ha confermato la stessa Volvo

Questo segna un grande passo nei piani di Uber verso il lancio di una propria flotta autonoma, piani che fino ad ora hanno dovuto fare i conti con diverse problematiche. Oltre alle suddette battaglie legali, Uber è attualmente coinvolto in una causa con Waymo, società controllata da Google, che accusa Uber di aver rubato preziosi segreti commerciali e di averli usati per sviluppare la propria piattaforma autonoma. L’azienda americana nega con veemenza le accuse, arrivando al punto di decidere di mettere fine al proprio rapporto di lavoro con l’ex dipendente di Waymo accusato di aver rubato quei segreti.

Uber ha avuto qualche problema anche con il suo primo lotto di Volvo XC90 a guida autonoma. Dopo aver portato i veicoli a San Francisco per i test, il DMV della California ha affermato che la società di trasporto privato stava agendo in modo illegale e alla fine ha tolto i permessi per lo svolgimento dei test da parte dei veicoli. Uber a quel punto ha deciso di spostare i suoi test in Arizona, ma alla fine è comunque tornata a San Francisco, utilizzando i suoi veicoli autonomi solo per scopi di mappatura.

I veicoli saranno consegnati da Volvo tra il 2019 e il 2021

I veicoli saranno consegnati da Volvo tra il 2019 e il 2021. L’ordine in questione dovrebbe valere circa 1 miliardo di dollari, una cifra che rappresenta circa il 4,5 per cento delle intere vendite della casa automobilistica svedese. L’accordo, così come raccontano i soliti bene informati, non sarebbe stato trovato in questi giorni ma sarebbe stato già stipulato nel corso dello scorso anno.

Leggi anche: Uber: nel Regno Unito un giudice da ragione ad alcuni autisti che chiedevano il riconoscimento di alcuni diritti

 

Uber

Uber ha ordinato nelle scorse ore 24 mila nuove Volvo XC90 per la sua futura flotta di auto a guida autonoma, lo ha confermato la stessa Volvo

 

Leggi anche: Uber: arrivano novità importanti per autisti e passeggeri, ecco di cosa si tratta

 

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Uber, Volvo

Leave a Reply