Toro Rosso della F1 diventerà Alpha Tauri a partire dal prossimo anno

In Formula 1 Toro Rosso cambia nome, dal prossimo anno si chiamerà Alpha Tauri

di , pubblicato il
Alpha Tauri - Formula 1

La Toro Rosso cambia di nuovo nome. Ricordiamo che la scuderia in seguito al cambio di proprietà nel 2005, divenne nota come Scuderia Toro Rosso, che ovviamente è una traduzione italiana del “Team Red Bull”. Ora, Reuters ha appreso che tutti gli altri team di Formula 1 hanno concordato tramite un voto via e-mail di consentire alla squadra Toro Rosso di proprietà della Red Bull di competere con un nuovo nome a partire dalla prossima stagione. Quindi, secondo quanto riferito, il team sarà noto come Alpha Tauri.

In Formula 1 Toro Rosso cambia nome, dal prossimo anno si chiamerà Alpha Tauri

Nel caso in cui suoni familiare, è perché Alpha Tauri è un marchio di moda (lanciato due anni fa) che è anche di proprietà del gigante austriaco delle bevande energetiche. Per quanto riguarda l’origine del nome, deriva da una stella nella costellazione del Toro, conosciuta anche come Aldebaran (una delle stelle più facili da trovare nel cielo notturno grazie alla sua luminosità).

La prima stagione della Scuderia Toro Rosso in Formula 1 è stata nel 2006, quando hanno corso con il motore Cosworth V10. L’anno seguente, passarono ai motori Ferrari V8 e nel 2008 Sebastian Vettel vinse il Gran Premio d’Italia con una Toro Rosso a motore Ferrari. Quella fu una delle rare occasioni in cui un team con motore Ferrari superava la scuderia del cavallino rampante.

Ora, Toro Rosso utilizza il motore della Honda ed è attualmente al sesto posto nella classifica costruttori 2019 con 59 punti, 5 punti di vantaggio su Racing Point e 18 punti meno del 5 ° posto della Renault. Con il direttore della Red Bull Christian Horner che afferma che un posto nel 2020 con la squadra principale spetterà ad Albon, questo significa che il prossimo anno, il team Alpha Tauri probabilmente schiererà una formazione di piloti composta da Daniil Kvyat e Pierre Gasly.

Leggi anche: Formula 1: Mercedes ammette l’errore di strategia di Hamilton in Giappone

Argomenti: