Tesla sotto indagine per colpa di Elon Musk

Tesla: un tweet di Elon Musk pubblicato nelle scorse settimane costa caro alla casa americana che adesso è sotto indagine.

di Andrea Senatore, pubblicato il
Tesla

Arrivano cattive notizie per Elon Musk, il fondatore miliardario della società di auto elettroniche Tesla. La sua azienda infatti è ora sotto inchiesta da parte del dipartimento di giustizia statunitense a causa delle dichiarazioni che la società e Musk hanno fatto il mese scorso. A quanto pare il Dipartimento di Giustizia avrebbe aperto un’indagine penale sulle dichiarazioni rese da Musk su Twitter sui piani per privatizzare la società automobilistica. A seguito di questa indagine penale confermata anche dalla stessa casa automobilistica, le azioni della società sono scese di oltre il 7 per cento prima di riprendersi e chiudere al 3,35 per cento.

Tesla ha dichiarato in proposito: “Il mese scorso, dopo l’annuncio di Elon Musk che stava prendendo in considerazione l’idea di privatizzare la società, Tesla ha ricevuto una richiesta volontaria di documenti dal Dipartimento di Giustizia ed è stata collaborativa nel rispondere ad essa. Non abbiamo ricevuto un mandato di comparizione, una richiesta di testimonianza o qualsiasi altro atto. Rispettiamo il desiderio del Dipartimento di Giustizia di ottenere informazioni al riguardo e riteniamo che la questione debba essere risolta rapidamente. ”

Il mese scorso Musk aveva twittato che stava pensando di privatizzare la sua azienda confermando di avere “finanziamenti garantiti” per l’accordo. Il tweet ha fatto impennare il prezzo delle azioni di Tesla, ma il prezzo è crollato dopo che è emerso che i fondi non erano stati garantiti. All’inizio di questo mese, Musk dichiarò di aver abbandonato definitivamente i suoi piani dopo che gli azionisti lo avevano persuaso a cambiare idea. Queste beghe legali arrivano in un momento in cui gli investitori non nascondono di essere sempre più preoccupati del comportamento di Musk. 

Leggi anche: Tesla finalmente rilascerà la funzione dashcam con il suo prossimo aggiornamento

Tesla: un tweet di Elon Musk pubblicato nelle scorse settimane costa caro alla casa americana che adesso è sotto indagine

Leggi anche: Tesla Model 3: non raggiunto l’obiettivo della produzione di 6 mila unità a settimana

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Tesla