Tesla ritarda l’aumento dei prezzi promesso, ecco il motivo

Posticipato di due giorni dal 18 al 20 marzo l'aumento di prezzi delle auto di Tesla annunciato da Elon Musk

di , pubblicato il
Posticipato di due giorni dal 18 al 20 marzo l'aumento di prezzi delle auto di Tesla annunciato da Elon Musk

Tesla ha ritardato il suo aumento dei prezzi pianificato nei giorni scorsi. La casa automobilistica afferma di essere stata “incapace di elaborare tutti gli ordini”. All’inizio di questo mese, la casa automobilistica di Elon Musk ha annunciato un piano drastico per spostare tutte le sue vendite online al fine di ridurre i prezzi. Inizialmente, è stato presentato come un modo per abilitare il rilascio del nuovo modello base da 35.000 dollari ma ha anche comportato forti riduzioni di prezzo sull’intera gamma della società californiana, fino a quasi il 50% per alcuni modelli di fascia alta di Model X e S in alcuni mercati.

Posticipato di due giorni dal 18 al 20 marzo l’aumento di prezzi delle auto di Tesla annunciato da Elon Musk

Pochi giorni dopo, il CEO Elon Musk ha annunciato che Tesla avrebbe parzialmente invertito la rotta e lasciato la maggior parte dei negozi aperti, il che avrebbe comportato un “leggero aumento dei prezzi” su tutta la linea, tranne che per la Model 3 entry level. Musk ha detto che questo aumento dei prezzi sarebbe arrivato lunedì 18 marzo a mezzanotte, ma non è successo. L’aumento infatti è stato posticipato alla mezzanotte di oggi. La casa automobilistica americana ha detto che “a causa di un volume insolitamente alto”, non poteva “elaborare tutti gli ordini”. Dunque, gli acquirenti hanno avuto ancora due giorni per approfittare degli sconti.

Leggi anche: Tesla Model 3: aumento della potenza del 5% tramite l’aggiornamento del software

Posticipato di due giorni dal 18 al 20 marzo l’aumento di prezzi delle auto di Tesla annunciato da Elon Musk

Leggi anche: Un altro ex responsabile della sicurezza di Tesla afferma che la società spia gli impiegati

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: