Tesla Model Y: le ultime novità

Entro la metà del prossimo anno la produzione di Tesla Model Y potrebbe già essere ben avviata secondo le ultime indiscrezioni

di , pubblicato il
Entro la metà del prossimo anno la produzione di Tesla Model Y potrebbe già essere ben avviata secondo le ultime indiscrezioni

Nel corso del 2020 debutterà il nuovo crossover elettrico Tesla Model Y. A proposito di questo modello negli ultimi giorni si sono diffuse voci secondo cui il debutto potrebbe venire anticipato di qualche mese. Infatti inizialmente si parlava dell’autunno, poi successivamente dell’estate. Adesso alcuni analisti vicini a Tesla dicono che addirittura già a metà anno la produzione del veicolo possa essere ben avviata. Si parla di almeno mille unità prodotte al giorno già a metà del prossimo anno. Questo modello sarà prodotto anche a Shanghai in Cina e in Europa nella futura Gigafactory di Tesla che sorgerà in Germania vicino a Berlino.

Entro metà anno la produzione di Tesla Model Y potrebbe già essere ben avviata secondo le ultime indiscrezioni

Grazie a questo modello le vendite di Tesla dovrebbero aumentare di molto rispetto ai livelli attuali. Infatti Tesla Model Y si andrà a collocare in un segmento di mercato molto popolare in questo momento un po’ in tutto il mondo e dunque le possibilità che il veicolo arrivi al successo commerciale sono molto elevate. Insomma in base a quanto dichiarato da Elon Musk e confermato da alcuni analisti vicini alla società californiana con Model Y non si dovrebbero ripetere i problemi visti con Tesla Model 3 che ha subito molti ritardi prima di arrivare sul mercato a causa di alcuni problemi relativi alla produzione che ha subito non pochi rallentamenti nei primi mesi.

Leggi anche: Elon Musk rivela che ci sono già 146.000 ordini della nuova Tesla Cybertruck

Tesla Model Y

Entro metà anno la produzione di Tesla Model Y potrebbe già essere ben avviata secondo le ultime indiscrezioni

Leggi anche: Tesla Roadster: Elon Musk dice che potrebbe non aver bisogno di alcuna chiave

 

Argomenti: