Tesla: Elon Musk raggiunge un accordo con la SEC su cosa può dire su Twitter

L'amministratore delegato di Tesla, Elon Musk e la US Securities and Exchange Commission, hanno concordato un nuovo accordo sul suo utilizzo di Twitter

di , pubblicato il
Elon Musk Ceo di Tesla

L’amministratore delegato di Tesla, Elon Musk e la US Securities and Exchange Commission, hanno concordato un nuovo accordo sul suo utilizzo di Twitter. La CNN riferisce che, venerdì, Musk e le autorità federali hanno concordato di modificare l’accordo di transazione che avevano raggiunto per la prima volta nell’ottobre 2018, che richiedeva che i tweet di Musk fossero supervisionati da un consiglio dedicato.

Gli emendamenti definiscono meglio ciò che Musk può o non può twittare.

Tra gli argomenti che non possono essere trattati segnaliamo le condizioni finanziarie di Tesla, i numeri di produzione o i numeri di consegna o di vendita, le fusioni proposte o potenziali e le linee di business nuove o proposte. Inoltre, i tweet di Musk non possono riferirsi a “scoperte o decisioni legali o normative non pubbliche”, né ad alcun argomento che la società o il suo consiglio di amministrazione “richieda” se ritengono che la pre-approvazione di alcuni tweet proteggerà gli interessi degli azionisti.

Il precedente accordo raggiunto tra Musk e la SEC richiedeva semplicemente a Musk di ottenere la pre-approvazione per i post sui social media contenenti informazioni considerate “materiali” per gli investitori. Tesla implementò questi requisiti permettendo a Musk stesso di decidere autonomamente se i suoi tweet dovevano essere pre-approvati o meno prima di essere pubblicati. In base al nuovo accordo, Musk sarà in grado di twittare sugli argomenti sopra menzionati solo se ottiene la pre-approvazione da un “esperto avvocato specializzato in titoli”.

Leggi anche: Tesla Roadster: la seconda generazione avrà un’autonomia superiore ai mille km

Tesla

Leggi anche: Tesla annuncia che un Autopilot completamente autonomo è in arrivo

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: