Suzuki Jimny entra a far parte delle vetture dell’Arma dei Carabinieri

Suzuki Jimny è stato messo a disposizione dell'Arma dei Carabinieri, l'annuncio è avvenuto ieri a Roma

di , pubblicato il
Suzuki Jimny

Nelle scorse ore Suzuki Jimny è entrata a far parte dell’Arma dei carabinieri. Il celebre fuoristrada è stato inserito tra le auto in dotazione all’Arma insieme ad un’altra auto di Suzuki: la Ignis. L’annuncio ufficiale è avvenuto nella giornata di ieri in occasione di una conferenza stampa congiunta che si è svolta a Roma presso il Comando Generale dei Carabinieri. I responsabili della casa automobilistica giapponese hanno dichiarato di essere particolarmente fieri di questa collaborazione.

Suzuki Jimny è stato messo a disposizione dell’Arma dei Carabinieri

Massimo Nalli, Presidente di Suzuki Italia si è detto commosso per l’approdo di Suzuki Jimny tra le auto che fanno parte dell’Arma dei Carabinieri. La vettura dispone della tipica livrea bicolore, con la carrozzeria riverniciata nel classico Blu Arma con tetto bianco. Sull’auto messa a disposizione dei Carabinieri sono stati montati due lampeggianti blu con tecnologia led provvisti anche della funzione di luci di crociera. Nell’abitacolo segnaliamo la presenza di tappetini in gomma e due supporti per le armi d’ordinanza, con blocco a chiave.

Tra le dotazioni di Suzuki Jimny dei Carabinieri troviamo inoltre un estintore da 2 kg e un set di catene da neve. Presenti inoltre pneumatici M+S, che permettono al veicolo di potersi muovere agilmente sopra ogni superficie. Ricordiamo infine che l’Arma dei Carabinieri ha deciso di dotarsi di ben 10 Jimny e 55 Ignis per poter fronteggiare qualsiasi tipo di emergenza sul territorio.

Leggi anche: Suzuki S-Cross vicina all’obiettivo del mezzo milione di vendite in Europa

Suzuki Jimny

Suzuki Jimny: il piccolo fuoristrada nipponico è stato messo a disposizione dell’Arma dei Carabinieri, l’annuncio è avvenuto ieri a Roma

Leggi anche: Suzuki: la casa automobilistica giapponese raggiunge vendite record in Giappone: 25 milioni di unità dal 1955 ad oggi

Argomenti: