Subaru richiama oltre 250.000 veicoli, ecco il motivo

Subaru ha annunciato il richiamo di oltre 250 mila unità di Crosstrek, Forester, Ascent e Impreza

di , pubblicato il
Subaru

Subaru ha annunciato il richiamo di oltre 250 mila unità di Crosstrek, Forester, Ascent e Impreza negli Stati Uniti perché questi veicoli potrebbero improvvisamente perdere potenza durante la guida. Secondo i rapporti dei consumatori, una valvola di ventilazione del carter (PCV) difettosa nel motore boxer utilizzata dai modelli di cui sopra potrebbe consentire all’olio di entrare nella camera di combustione.

Vari pezzi della valvola PCV possono anche separarsi ed entrare nel motore.

Subaru ha annunciato il richiamo di oltre 250 mila unità di Crosstrek, Forester, Ascent e Impreza

La valvola di ventilazione del basamento positivo è un dispositivo di emissione che impedisce alle sostanze inquinanti create dal motore di essere rilasciate nell’atmosfera. Inoltre, la valvola PCV mantiene pulito l’olio motore e impedisce l’accumulo della pressione del basamento. I concessionari Subaru sostituiranno gratuitamente la parte difettosa e sostituiranno tutte le altre parti che saranno danneggiate a causa del problema. Secondo ConsumerReports.org, Subaru ha già contattato i proprietari di Crosstrek e Impreza 2017-2018. La casa automobilistica raggiungerà anche i proprietari degli altri veicoli a partire dal 24 gennaio 2020. I proprietari possono chiamare il servizio clienti Subaru al numero 844-373-6614.

Veicoli richiamati da Subaru:

2018 SUV Crosstrek prodotti dal 9 maggio 2017 al 3 aprile 2018-83.499
Berline Impreza 2017-2018 prodotte dal 20 ottobre 2016 al 2 marzo 2018—80.219
Berline Impreza 2017-2018 prodotte dal 4 novembre 2016 al 5 marzo 2019—41.282
2019 SUV Forester prodotti dal 4 luglio 2018 al 21 marzo 201933.383
2019 SUV Ascent prodotti dal 22 febbraio 2018 al 31 agosto 2018-18.193
37 SUV ibridi plug-in Crosstrek prodotti dall’11 settembre 2018 all’8 ottobre 2018

Leggi anche: Toyota: anche Mazda e Subaru aderiscono alla sua joint venture per la guida autonoma

Argomenti: