Smart: trovato l’accordo tra Daimler e Geely

Il gruppo cinese acquista il 50% di Smart da Daimler, il nuovo modello sarà prodotto dal 2022 in Cina

di , pubblicato il
Il gruppo cinese acquista il 50% di Smart da Daimler, il nuovo modello sarà prodotto dal 2022 in Cina

Il gruppo cinese Geely ha acquistato il 50 per cento di Smart. Dalla Cina è giunta la conferma all’indiscrezione circolata nelle scorse ore. La futura Smart sarà interamente elettrica e verrà prodotta in Cina dal 2022. Daimler e Geely, che possiede una serie di marchi tra cui Volvo e Lotus, costituiranno una joint venture 50:50 per gestire l’azienda di city car, che sta per diventare un marchio esclusivamente elettrico.

 Mercedes-Benz guiderà il design e lo stile dei futuri modelli, con Geely a capo dell’ingegneria.

Il gruppo cinese acquista il 50% del brand da Daimler

Smart in futuro si espanderà nel segmento B. L’accordo ha lo scopo di sviluppare ulteriormente  il brand di city car come “un leader nei veicoli ad alta efficienza”, secondo una dichiarazione congiunta di Geely e Daimler. Il presidente di Geely, Li Shufu, ha dichiarato: “Rispettiamo pienamente il valore di Smart”, aggiungendo: “In qualità di partner uguali, ci impegniamo a promuovere il marchio a livello globale”.

Il nuovo modello sarà prodotto dal 2022 in Cina

Fino al lancio dei nuovi modelli nel 2022, gli attuali modelli continueranno a essere realizzati negli stabilimenti Daimler di Hambach in Francia e Novo Mesto in Slovenia. Daimler investirà anche circa 500 milioni di euro a Hambach per prepararlo a produrre un futuro veicolo compatto nella sua gamma elettrica EQ . La joint venture sarà guidata da un consiglio di sei direzioni, diviso equamente tra Daimler e Geely.

Leggi anche: Geely potrebbe aquistare il 50% di Smart da Daimler

Smart cambia padrone: il gruppo cinese Geely acquista il 50 per cento della società da Daimler, la city car sarà prodotta in Cina

Leggi anche: Daimler cerca di aumentare la propria partecipazione in BAIC

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: