Sergio Marchionne: eredi in fila per i premi della Ferrari

Gli eredi di Sergio Marchionne sono pronti a ricevere fino a 90 milioni di dollari di azioni della Ferrari in base alla performance della società

di , pubblicato il
Gli eredi di Sergio Marchionne sono pronti a ricevere fino a 90 milioni di dollari di azioni della Ferrari in base alla performance della società

Gli eredi di Sergio Marchionne sono pronti a ricevere fino a 90 milioni di dollari di azioni della Ferrari in base alla performance della società dalla morte del dirigente avvenuta nel mese di luglio. Gli eredi erediteranno il piano di incentivazione azionaria per gli anni dal 2016 al 2020, come illustrato nel rapporto sulla remunerazione del 2018 pubblicato quest’anno dal produttore di automobili. I beneficiari potrebbero ricevere fino a 675.000 azioni Ferrari, attualmente del valore di 81 milioni di euro (90 milioni di dollari), nell’ambito del piano di incentivazione azionaria della società.

Sergio Marchionne e sua moglie, Orlandina, hanno avuto due figli, Alessio Giacomo, nato nel 1989, e Jonathan Tyler, nato nel 1994. È stato riportato in Italia che Sergio si è separato da Orlandina dopo essere entrato in Fiat nel 2004. Ma non è pubblicamente noto se i due divorziarono. Il trattamento di Ferrari degli eredi di Marchionne è diverso da quello di Fiat Chrysler Automobiles e CNH Industrial, le altre due società controllate dalla famiglia Agnelli e guidate dal carismatico dirigente che è morto il 25 luglio. I piani di incentivazione azionaria a lungo termine di FCA e CNH Industrial per Marchionne sono stati approvati nel 2015 e nel 2014, e entrambi si sono conclusi il 31 dicembre 2018. Il rapporto 2018 della compagnia menziona gli eredi di Marchionne.

“Tale disposizione è chiaramente legale ma molto insolita in questa forma”, ha affermato Francesco Rotondi, fondatore e partner dello studio legale italiano LabLaw. “Il trasferimento agli eredi di un manager di certi diritti al risarcimento degli incentivi è abbastanza comune tra le società quando gli incentivi sono già maturati, in altri casi i manager hanno spesso il diritto a partecipare alle prestazioni della società dopo che se ne sono andati.

Tra Ferrari e Sergio Marchionne, tuttavia, come descritto nel Rapporto sulla remunerazione 2018 della società, sembra esserci una sorta di acquisizione da parte degli eredi della posizione del manager nel programma di incentivazione. “ Un portavoce della Ferrari ha dichiarato: “Nessun compenso è stato pagato dalla Ferrari o da una delle sue sussidiarie a Marchionne, che era solo beneficiario del piano di incentivazione a lungo termine”, ma ha rifiutato di commentare il ragionamento alla base della struttura del compenso di Marchionne.

Leggi anche: Sergio Marchionne è stato premiato come Person of The Year 2018 da Motor Trend

Sergio Marchionne

Leggi anche: Fiat Chrysler: ecco quanto hanno guadagnato nel 2018 Manley, Marchionne ed Elkann

.
Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: